ULTIM'ORA
This content is not available in your region

5G: via libera del Regno Unito a Huawei ma a sovranità limitata

euronews_icons_loading
5G: via libera del Regno Unito a Huawei ma a sovranità limitata
Diritti d'autore
Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La crepa del fronte anglosassone si apre sull'ingresso della Cina 5G nel Regno Unito: Huawei è stata infatti ammessa in Gran Bretagna, seppure con restrizioni, per la fornitura delle attrezzature per le reti di 5th Generation. Un'operazione che non piace all'alleato statunitense: Washington ha avvisato Londra che l'apertura a est rischia di compromettere i rapporti diplomatici e di intelligence fra i due Paesi. Perché la breccia non diventi voragine, la soluzione è stata indviduata nei paletti posti al colossso cinese, che non potrà entrare nella parte “core” del 5G né accedere ai dati sensibili come quelli di siti militari e centrali nucleari.

Anche su quel che resta, Huawei dovrà operare senza poter superare il 35% di quota di mercato.
Il Regno Unito ha quindi deciso di dare spazio anche nel 5G, dopo che per 15 anni l'azienda cinese ha fornito tecnologia 3G e 4G a numerose imprese britanniche.

Nei giorni scorsi il premier Boris Johnson si era detto aperto a ogni soluzione a patto che si garantisse l'accesso alla migliore tecnologia possibile.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.