ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Terremoto in Turchia: più morti, meno speranza

euronews_icons_loading
Terremoto in Turchia: più morti, meno speranza
Diritti d'autore
Foto: Ismail Coskun/IHA via AP - Ismail Coskun
Dimensioni di testo Aa Aa

Un bimbo e la madre estratti vivi dalle macerie dopo oltre 24 ore

Si aggrava, con il passare del tempo, il bilancio del potente terremoto che venerdì ha colpito l'est della Turchia. Almeno 35 le vittime contate dal Ministero dell'Interno nelle provincie di Malatya ed Elazig, all'alba di questa domenica. A regalare - una però sempre più flebile - speranza è invece la storia di una donna, estratta viva con il figlio di 2 anni, dopo oltre 24 ore.

Foto: Presidential Press Service via AP

Un migliaio gli edifici distrutti. Scatta l'emergenza abitativa

E mentre prosegue la corsa contro il tempo degli oltre 20.000 soccorritori, si precisa anche la fotografia dei danni materiali. Un'ottantina, secondo l'agenzia turca per la gestione delle emergenze, gli edifici rasi al suolo. Un migliaio quelli danneggiati dal sisma.

Foto: IHA via AP

Tendopoli e alloggi d'emergenza (ma non per tutti). Erdogan promette: "Vi aiuteremo"

Spinti all'addiaccio da crollo delle loro abitazioni e paura di ulteriori scosse, i più fortunati hanno passato la notte nelle tendopoli d'emergenza. Con temperature nella notte prossime agli zero gradi, scuole ed edifici pubblici hanno aperto le porte, ma in molti sono comunque restati all'aperto. A loro, il presidente Erdogan ha promesso aiuti, spazzando via ogni accusa: "Una menzogna - ha detto - il mancato rispetto delle norme antisismiche".

Foto: Ugur Can/DHA via APUGUR CAN
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.