ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Come evolve la crisi del vulcano nelle Filippine

euronews_icons_loading
Come evolve la crisi del vulcano nelle Filippine
Diritti d'autore
euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Nubi dense di cenere e lapilli, oscurano il cielo, vicino a Manila, nelle Filippine. Potrebbero annunciare una nuova eruzione del vulcano Taal. Ma le autorità hanno concesso una manciata di ore agli evacuati delle zone circostanti per tornare nelel abitazioni e recuperare i loro averi. Segno che la catastrofe non è imminente.

"Prego affinché il vulcano si calmi. Così torniamo a vivere nelle nostre case. È dura vivere in quelle degli altri" dice una residente di un villaggio nelle vicinanze del vulcano.

Sono minacciati anche numerosi allevamenti di animali della regione. "Dobbiamo evacuare i maiali, qui sono a rischio" dice preoccupato un piccolo allevatore locale.

Le autorità hanno evacuato 121 mila persone dalla provincia di Batangas a 65 chilometri dalla capitale filippina.

Ma c'è anche una maniera costruttiva di affrontare l'emergenza eruzioni. Tonnellate di rifiuti di plastica sparsi nell'ambiente vengono riciclate e mischiate con le ceneri liberate dai crateri, per farne mattoni da costruzione. Da una crisi naturale la soluzione per affrontare due crisi antropiche, quella ambientale, dei rifiuti della plastica, e quella degli alloggi. Un'idea a dir poco vulcanica.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.