ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Malta: il lungo addio di Muscat non convince l'Europa

euronews_icons_loading
Malta: il lungo addio di Muscat non convince l'Europa
Diritti d'autore  Image Rene Rossignaud www.rossignaud.com   -   XRM
Dimensioni di testo Aa Aa

Il lungo addio del premier maltese messo fuori gioco dall'omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia si snocciola anche col suo ultimo discorso davanti alla base del partito laburista che lo aveva mandato al potere.

Muscat si considera una vittima

Joseph Muscat ha confessato di pagare "un prezzo politico molto alto per un episodio oscuro'' e ha invitato gli ormai non tanti sostenitori a non lasciare che nel partito vincano le divisioni e la tristezza. Ma intanto su Muscat piovono le folgori del parlamento europeo che invia una "missione urgente" a Malta dopo i risultati d'indagine della polizia sull'omicidio della giornalista eliminata in stile mafioso con una carica di tritolo dell'ottobre del 2017.

La crisi morale

Le involuzioni della politica maltese hanno come doppio fondo i risultati finanziari dell'isola con traffici poco chiari che si sono moltiplicati nel corso dell'ultima amministrazione. Muscat ha difficoltà a rendersi conto che la sua credibilità è a zero proprio nella gestione dell'affaire Caruana Galizia in cui depone molto male la trattiva con uno degli implicati nel delitto e cioè l'oscuro imprenditore Yorgen Fenech che voleva ottenere la grazia in cambio di informazioni.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.