Mafia: a Roma in migliaia contro la criminalità organizzata

manifestazione Roma
manifestazione Roma Diritti d'autore Gregorio Borgia/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nella capitale organizzata la marcia in ricordo delle vittime delle mafie. Mattarella: "Liberare le popolazioni e i territori"

PUBBLICITÀ

Enorme partecipazione al corteo a Roma organizzato dall'associazione Libera per la 29esima Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. 

Durante la marcia verso il Circo Massino sono stati legtti i nomi di tutte le vittime delle mafie in Italia. I manifestanti hanno cantato il brano 'A bocca chiusa' di Daniele Silvestri e ad aprire il corteo è stato lo striscione con la scritta "Roma città libera", un richiamo al film di Rossellini 'Roma città aperta'. Mostrato anche uno striscione portato dalle associazioni studentesche che recitava "Studenti contro le mafie".

Tra gli altri presenti, oltre al presidente di Libera Don Ciotti, c'erano il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, il prefetto di Roma Lamberto Giannini, il sindaco di Bari Antonio De Caro, il segretario generale della Cgil Maurizio Landini e il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni.  "La repressione deve andare di pari passo con la prevenzione, l'educazione e gli strumenti per la legalità", ha detto poi Don Ciotti dal palco allestito al Circo Massimo.

Mattarella: "Lliberare le popolazioni e i territori dalle mafie"

"Nata nella società civile, cresciuta grazie ai valori di cui è portatrice, la “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie” è ricorrenza significativa per la comunità nazionale. Un giorno che sottolinea l’impegno per liberare le popolazioni e i territori dalle mafie, per vincere l’indifferenza e la rassegnazione che giovano sempre ai gruppi criminali. Quando difendiamo la dignità di essere cittadini liberi, quando ci ribelliamo alle violenze e alle ingiustizie, quando davanti ai soprusi non ci voltiamo dall’altra parte, contribuiamo alla lotta contro le mafie", lo ha scritto il capo di Stato in un messaggio inviato per la celebrazione della Giornata.

"La lettura dei nomi delle innocenti vittime delle mafie è atto che ci ricongiunge a quanti hanno pagato con la vita la disumanità mafiosa e segno di vicinanza alle loro famiglie e, al contempo, espressione forte, collettiva, di quel desiderio di giustizia che costituisce l’energia vitale di una democrazia", continua ancora Mattarella. "Le Istituzioni sono chiamate a fare il loro dovere per contrastare, su ogni piano, le organizzazioni del crimine e l’azione dei cittadini e delle forze sociali è coessenziale per costruire e diffondere la cultura della legalità e della libertà. Le mafie sono una pesante zavorra per l’Italia, insinuate come sono in ogni attività illegale dei traffici criminali. La Giornata ci rammenta che la lotta alle mafie è compito e dovere di tutti coloro che amano la Repubblica e intendono renderne migliore il futuro", conclude poi il capo di Stato.

Meloni: "Impegno quotidiano contro la criminalità organizzata"

"La Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie è un'occasione importante per rendere omaggio a chi ha perso la vita per mano malavitosa, per stringerci attorno ai loro familiari e trasmettere le loro storie ai più giovani, per rinnovare l'impegno quotidiano di ciascuno di noi e delle nostre Istituzioni contro ogni forma di criminalità organizzata. Il ricordo di chi ha pagato un prezzo così alto e l'esempio di chi ha sacrificato la propria vita a difesa della legalità, devono essere il faro che guida le azioni e l'operato di tutti noi. Sempre". È il messaggio dellla presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Calabria, famiglia di Rino Gattuso vittima di estorsione: due fermati

Arrestato in Corsica il boss della "Società foggiana", Marco Raduano

Spagna, arrestato boss della Mocro Mafia per narcotraffico e riciclaggio