ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Francia, ottenere un certificato medico con una videochiamata: verso "uberizzazione" della sanità?

Francia, ottenere un certificato medico con una videochiamata: verso "uberizzazione" della sanità?
Diritti d'autore
Publicdomainpictures.net
Dimensioni di testo Aa Aa

Le autorità sanitarie francesi stanno lanciando un'azione legale contro un sito internet che permette di ottenere certificati medici che i dipendenti possano presentare ai loro datori di lavoro in caso di malattia.

Arretmaladie.fr, che si traduce un po' come "assenza per malattia", è stato lanciato ufficialmente in Francia martedì.

Offre ai lavoratori la possibilità di effettuare una videochiamata con un dottore e di ottenere un certificato medico di massimo tre giorni per problemi comuni come raffreddore, mal di testa, stress, dolori mestruali, cistiti e mal di schiena.

Il servizio costa 25 euro, la stessa tariffa di un medico di base rimborsata poi dal sistema di previdenza sociale e dall'assicurazione sanitaria privata.

La nota viene inviata al paziente via email e può essere inoltrata al datore di lavoro per giustificare un'assenza.

Tuttavia, il Consiglio Nazionale dei Medici (Cnom) e la Cassa Nazionale di Assicurazione Malattia (Cnam) hanno avviato congiuntamente un'azione legale contro il sito web chiedendone l'immediata chiusura.

"L'Ordine dei Medici si pone risolutamente in una dinamica di sostegno ai nuovi percorsi offerti dalla sanità elettronica, ma condanna senza riserve ogni tentativo di uberizzazione della medicina", si legge in una dichiarazione di Patrick Bouet, a capo del Cnom.

Il Cnam aggiunge che il sito si discosta dagli standard etici della medicina.

"I congedi per malattia non sono prodotti di consumo che possono essere distribuiti su richiesta dei pazienti. Sono soggetti a prescrizione medica e devono essere il risultato dell'iniziativa di un medico", la posizione della Cassa.

Il servizio è stato lanciato per la prima volta in Germania nel dicembre 2018 e da allora ha distribuito più di 30mila certificati medici. Il sito web dell'azienda afferma che "nonostante la consultazione telematica non sia stata proposta in Germania, non sono stati segnalati casi di abusi o diagnosi errate".

Inoltre, nella sua sezione FAQ, la società respinge ogni addebito e scrive che i lavoratori francesi sono tra i "più presenti" sul posto di lavoro in Europa sulla base di un'indagine del 2019, che ha rilevato come il 62% dei dipendenti si sia presentato sul posto di lavoro nonostante fosse malato.

Un lavoratore francese medio è stato assente per malattia per 18,6 giorni nel 2018, secondo l'ultimo rapporto annuale di Ayming, una società di consulenza: +8% rispetto all'anno precedente, con un tasso di assenteismo al 5,1%.

Un dato in linea con quello tedesco, dove secndo la compagnia di assicurazione sanitaria BKK, nel 2018 i lavoratori hanno usufruito di 18,5 giorni di "mutua": il dato più alto degli ultimi dieci anni, con un tasso di assenteismo che ha raggiunto il 4,67%.

Al contrario, i lavoratori britannici non si sono presentati al lavoro in media per 4.4 giorni nel 2018, rileva l'Office for National Statistics, con un tasso di assenteismo relativamente piatto tra il 2010 e il 2018 e fermo al 2%.

Quanto all'Italia, scrive Il Sole 24 Ore, a fine 2018 il numero medio di giornate di malattia per lavoratore con almeno un giorno di malattia per il settore privato era di 11,6 giorni mentre per il settore pubblico di 11.3 giorni.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.