EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Come è cambiata la lingua italiana nell'ultimo decennio?

Come è cambiata la lingua italiana nell'ultimo decennio?
Diritti d'autore -
Diritti d'autore -
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Come è cambiata la lingua italiana nell'ultimo decennio?

PUBBLICITÀ

Cosa resterà di questi anni '10? Nelle ultime settimane giornali e siti web hanno pubblicato le loro classifiche su praticamente qualsiasi argomento (gli eventi più importanti, i politici più influenti, i dieci migliori film ecc...), un'occasione per fare il punto sul decennio che sta per concludersi sfruttando una fonte inesauribile di spunti, dibattiti e polemiche.

Leggi anche | Quali sono le lingue a rischio estinzione in Europa?

Tra le cose che resteranno c'è, ovviamente, la lingua italiana. Una lingua che però, come tutte le cose vive, è cambiata rispetto al 2010. Se dieci anni sono un periodo limitato per avere dei cambiamenti sostanziali a livello strutturale, sono però più che sufficienti affinché nuove parole diventino di uso comune e vengano inserite nei dizionari.

Scorrendo la lista dei neologismi inseriti nei vari dizionari negli anni '10 spiccano i numerosi anglicismi (hasghtag, follower, crowdfunding, binge watching, influencer ecc...), la cui diffusione è legata soprattutto alle innovazioni tecnologiche del decennio.

La diffusione massiccia di smartphone e tablet, l'affermazione dei social network e di app come WhatsApp hanno cambiato profondamente il nostro modo di comunicare (come dimostra anche questa frase in cui compaiono tre neologismi da tempo nei dizionari).

L'uso di frasi corte e periodi senza subordinate, l'utilizzo di acronimi e parole troncate mal si adattano alla lingua italiana. "La lingua italiana ha uno stile ipotattico, con tante subordinate - spiega Paolo D'Achille, professore ordinario di Linguistica italiana presso l'Università Roma Tre - e si presta poco a questo tipo di comunicazione".

Leggi anche|Troppo inglese nell'UE? La frustrazione di francesi e tedeschi (e non solo)

Questi fattori hanno contribuito alla diffusione di parole estrapolate tali e quali dal vocabolario inglese, assieme al loro uso sempre più frequente in vari campi, dalla politica alla finanza. "L'italiano - dice D'Achille - ha perso col tempo la sua centralità a scapito dell'inglese". Così negli ultimi anni termini come no vax, stepchild adoption, jobs act, fake news, flat tax e brexit sono diventati di uso comune, al punto da motivare il loro inserimento nei dizionari.

"Del resto questo - sottolinea D'Achille - è l'unico criterio affinché una parola venga considerata parte di una lingua: deve essere usata comunemente da tante persone". In Italia non c'è un iter ufficiale: sono le redazioni dei vari dizionari a decidere ogni anno quali neologismi includere.

Altri Paesi, come la Spagna, sono più attenti a prevenire la diffusione di anglicismi nel loro vocabolario, grazie al lavoro delle accademie. "Quando compare un nuovo termine inglese - spiega D'Achille - forniscono tempestivamente un corrispettivo nella propria lunga. In questo modo la gente sa che termine utilizzare".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ciao, non hello! Il governo italiano vuole vietare le parole inglesi con multe fino a 100mila euro

Caos nel Parlamento moldavo: i deputati del Bcs contro la nomina del romeno come lingua ufficiale

Imparando l'inglese, gli ucraini resistono anche così