ULTIM'ORA

Troppo inglese nell'UE? La frustrazione di francesi e tedeschi (e non solo)

Troppo inglese nell'UE? La frustrazione di francesi e tedeschi (e non solo)
Diritti d'autore
Reuters
Dimensioni di testo Aa Aa

Per le strade di Bruxelles, è possibile ascoltare tutte le lingue del mondo. Eppure, mentre le istituzioni europee celebrano la giornata del multilinguismo (28 settembre), molti francesi ritengono che il loro linguaggio diplomatico sia stato messo da parte.

Tra questi in prima fila c'è Jean Quatremer, corrispondente a per "Liberation", che sostiene ci sia "Un regime linguistico dettato dall'inglese. Qui se non parli inglese, questo" inglese globale ", una specie di inglese naturalizzato, a malapena esisti".

Dei 513 milioni di cittadini europei, il 18% parla il tedesco come prima lingua, il 13% l'inglese e il 12% il francese. Ma il fatto interessante è che nonostante l'inglese, il tedesco e il francese dominino come seconde lingue, in realtà ci sono più madrelingua italiani che francesi.

La Commissione europea assicura: "il 25% del nostro personale a Bruxelles è rappresentato da traduttori e interpreti affinché ogni cittadino europeo possa comunicare con noi, le istituzioni europee, nella sua lingua madre".

Nonostante sia parlato da molte persone, il tedesco non è obbligatorio per i portavoce della Commissione europea.

Heide Newsom - giornalista tedesca ritiene che sia in parte anche colpa dei suoi compatrioti "Fondamentalmente i funzionari tedeschi sono contenti di poter parlare altre lingue come l'inglese. Sono una sorta di poliglotti. Dovremmo invece insistere sul fatto che si parli più tedesco".

Le sessioni plenarie del Parlamento europeo possono essere ascoltate nelle 24 lingue ufficiali dell'UE.

E molte riunioni e conferenze stampa prevedono traduzioni simultanee. Tuttavia, con l'imminente uscita dei britannici dall'UE probabilmente si intensificheranno le richieste di diversificazione linguistica.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.