ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Scandalo Tesco, uno dei suoi fornitori userebbe schiavi in Cina

Scandalo Tesco, uno dei suoi fornitori userebbe schiavi in Cina
Diritti d'autore
Tesco
Dimensioni di testo Aa Aa

"Siamo detenuti stranieri nella prigione di Shanghai in Cina. Siamo costretti a lavorare contro la nostra volontà. Aiutateci e avvisate un'organizzazione per i diritti umani", è il messaggio che una ragazzina di sei anni ha trovato in una cartolina di auguri di Natale che suo padre aveva comprato a Tesco, il gigante della distribuzione inglese. A riportarlo la stampa britannica.

Sulle prime l''uomo aveva pensato a uno scherzo, ma poi i fatti si sono rivelati più complicati. Il destinatario di questo disperato messaggio destinatario era il giornalista Peter Humphrey, che ha trascorso 9 mesi in un campo di prigionia di Qingpu denunciando queste pratiche. Queste informazioni hanno fatto scattare l’allarme e sollevato domande su Tesco e sui suoi fornitori cinesi. L'azieda ha deciso d'interrompere la collaborazione con questta azienda cinese, ma è improbabile che non ci siano ricadute sull'immagine del gruppo.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.