Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Parigi propone un manager di ferro come commissario europeo

Parigi propone un manager di ferro come commissario europeo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Due settimane dopo lo schiaffo del parlamento europeo, che aveva bocciato la candidatura di Sylvie Goulard, il governo francese ha fatto un nuovo nome, proponendo Thierry Breton, 64 anni, ex ministro dell'Economia che ha nel suo curriculum anche il salvataggio di France Telecom, come commissario al Mercato interno con deleghe all’industria della Difesa e allo Spazio.

Un ruolo chiave anche per l'immenso portafoglio di questo gabinetto comunitario. Breton è attuale amministratore delegato Atos e il fatto che sia la testa pensante di un gruppo privato di queste dimensioni ha scatenato le accuse di probabili conflitti di interesse futuri.

Breton è ricordato come amministratore delle finanze con la fissazione del debito pubblico. È rimasta nella memoria la sua frase secondo cui i francesi "vivono al di sopra dei propri mezzi". Al termine dei due anni di suo mandato però, la Francia era tornata per la prima volta in surplus di bilancio dopo dieci anni e la crescita del Pil era aumentata dello 0,4%

La bocciatura di Sylvie Goulard però, era stata un colpo durissimo per il presidente Macron. La percezione era stata quella che il parlamento europeo avesse voluto punire Parigi per come aveva gestito assieme a Berlino il dossier van der Leyen come candidata alla guida della commissione europea. Per questo la candidatura della Goulard era stata bruciata per un presunto utilizzo improprio di fondi dell’Europarlamento. Non era uscito nulla di illegale, ma un'ottima candidata era finita nel tritacarne per colpa di veti incrociati.