ULTIM'ORA

Tago, un fiume di polemiche. Gli ambientalisti portoghesi accusano: "La Spagna lo prosciuga"

Tago, un fiume di polemiche. Gli ambientalisti portoghesi accusano: "La Spagna lo prosciuga"
Dimensioni di testo Aa Aa

Acqua, fonte di vita, di energia, ma anche fiume di polemiche, nel caso del Tago. Sul corso d'acqua più lungo della penisola iberica, che nasce in Spagna e si tuffa nell'oceano mille chilometri più a ovest, a Lisbona, si è aperta una diatriba tra il Portogallo e la Spagna.

ProTejo, movimento ambientalista, accusa la Spagna di non rispettare la convenzione del '98 che stabiliva i limiti per lo sfruttamento del fiume.

"Da inizio anno fino a luglio abbiamo visto un livello davvero basso, irregolare. In alcuni momenti era del tutto in secca - dice Paulo constantino, del movimento ProTejo - Ad agosto e settembre era di appena un terzo rispetto a quanto stabilito dalla convenzione di Albufeira".

Circostanze negate dalla stessa agenzia portoghese per l'ambiente: i valori annuali, mensili e settimanali sono tutti a norma - viene ribadito.

ProTejo insiste: la Spagna ha infranto la convenzione, con conseguenze ecologiche e ambientali. Indiziati principali sono gli impianti idroelettrici. Diverse regioni dell'entroterra portoghese hanno dovuto fare i conti con la siccità. E questo, secondo i climatologi, è destinato a diventare la norma.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.