ULTIM'ORA

Italia: taglio dei parlamentari è legge: 553 sì, 14 no e 2 astenuti

 Italia:  taglio dei parlamentari è legge: 553 sì, 14 no e 2 astenuti
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La Camera approva largamente il taglio dei parlamentari cioè il disegno di legge costituzionale che riduce i deputati dagli attuali 630 a 400 e i senatori dai 315 odierni a 200. Trattandosi di un disegno di legge costituzionale, era richiesta la maggioranza assoluta dei componenti dell'Assemblea, pari a 316 voti. La misura prevede anche il taglio dei deputati esteri (da 12 a 8) e dei senatori del collegio estero (da 6 a 4).

Una solida approvazione

Hanno votato a favore 553 deputati e ci sono stati appena 14 contrari e due astenuti. Un applauso dell'Aula proveniente soprattutto dai banchi di M5s, ha salutato l'approvazione definitiva della riforma per il taglio dei parlamentari.

I significati della riforma Fraccaro

Con la riforma, che prende il nome dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro (M5S), muta il rapporto numerico di rappresentanza: alla Camera 1 deputato per 151.210 abitanti (oggi 96.006 ), a Palazzo Madama 1 senatore per 302.420 abitanti (ora 188.424). Da adesso e per i successivi 3 mesi il testo può essere sottoposto a referendum confermativo.

Sveltire il processo decisionale

Questa misura favorirà il processo decisionale delle Camere e contestualmente consente un risparmio di circa 500 milioni di euro a Legislatura.

Allineati col resto d'Europa

La riforma consentirà all’Italia di allinearsi al resto d’Europa: l’Italia, infatti, è il paese con il numero più alto di parlamentari direttamente eletti dal popolo (945); seguono la Germania (circa 700), la Gran Bretagna (650) e la Francia (poco meno di 600).

La riduzione del numero dei parlamentari entrerà in vigore dall’inizio della prossima Legislatura e non prevede alcuna alterazione profonda del sistema elettorale vigente.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.