ULTIM'ORA

Ecuador: un morto nelle proteste contro le misure d'austerità

Ecuador: un morto nelle proteste contro le misure d'austerità
Dimensioni di testo Aa Aa

In Ecuador c'è stata una vittima per le violente proteste che da giovedì sono in atto contro le misure d'austerità governative seguite al prestito di 4,2 miliardi di dollari, circa 3,8 miliardi di euro, del Fondo monetario internazionale.

Si tratta di un giovane, che domenica è stato travolto da un suv che cercava di superare uno dei blocchi stradali delle comunità indigene nella provincia di Azuay. L'autista, fuggito, è stato catturato dalla polizia. Il giovane è morto anche causa del ritardo dell'ambulanza ostacolata dai presidi dei manifestanti.

In particolare a scatenare la rabbia, che ha portato a scontri con le forze di sicurezza e ad oltre 470 arresti, è stato lo stop ai sussidi statali sul carburante, in vigore dal 1970.

Dopo due giorni di manifestazioni organizzate dai sindacati dei lavoratori del trasporto, gruppi indigeni stanno guidando la rivolta nel centro-sud e hanno proclamato lo sciopero generale il 9 ottobre.

Una delle loro confederazioni, la Conaie (Confederación de Nacionalidades Indígenas del Ecuador), ha avvertito che militari e polizia che entreranno nei suoi territori, saranno sottoposti alla giustizia india. Domenica già una cinquantina di soldati sono stati fermati ad Alausi.

Il presidente Lenin Moreno ha dichiarato lo stato d'emergenza per 60 giorni.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.