Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

La strage della Prefettura di Parigi: "Quella volta che Mickaël Harpon non fu denunciato..."

La strage della Prefettura di Parigi: "Quella volta che Mickaël Harpon non fu denunciato..."
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

PARIGI (FRANCIA) - La Francia è ancora sotto choc dopo la strage alla Prefettura di Parigi di giovedi scorso. Un impiegato di 45 anni, Mickaël Harpon, sordomuto, originario della Martinica, ha accoltellato a morte tre agenti di polizia e una funzionaria, prima di essere ucciso.

Un "Insospettabile" non proprio insospettabile

L'ombra dello jihadismo, hanno titolato molti quotidiani. L'uomo, infatti, dal 2014 era sposato con una donna musulmana, con due figli, e da circa 10 anni si era convertito dall'islam.

Mickaël Harpon, l'assassino della Prefettura.

Il ministro degli interni francese Christophe Castaner ha confermato che l'assassino, dipendente della Prefettura dal 2003, non aveva mai dati segni di radicalizzazione. Racconta però un episodio:

"Alcune colleghi di lavoro, eravamo in luglio 2015, hanno notato un comportamento anormale di Mickaël Harpon e hanno raccontato di un alterco dopo l'attentato a Charlie Hebdo...
L'agente di polizia che si occupa della radicalizzazione hanno loro domandato espressamente se avevano intenzione di fare una segnalazione amministrativa. Ma, secondo le mie informazioni, fu deciso di non fare alcuna denuncia"
Christophe Castaner
Ministro degli Interni - Francia

Dopo la sua morte, da un'analisi del telefono cellulare di Mickaël Harpon sono stati trovati 33 sms - in gran parte di carattere religioso - scambiati con la moglie la mattina stessa della strage.

Il ministro degli Interni francese Christophe Castaner ospite del telegiornale di TF1.

Castener risponderà alla Commissione d'Inchiesta

Lo stesso ministro Castaner ha ammesso un malfunzionamento dei controlli all'interno della Prefettura, ma ha escluso le sue dimissioni, come richiesto dai partiti dell'opposizione.

Castaner verrà ascoltato martedi a porte chiuse dalla Commissione d'Inchiesta parlamentare istituita per fare luce sulla strage, ponendo particolare attenzione alla sicurezza del servizio e a come qualcuno, anche se conosciuto - come nel caso di un dipendente - abbia potuto aggirarsi in Prefettura con un coltello (in ceramica: non rilevato dai metal detector!) da 20 cm in tasca.

"Nessuna cellula jihadista"

Laurent Nunez, già direttore della sicurezza interna francese e ora Segretario di Stato presso il Ministero degli Interno, ha escluso - "a questo stadio" dell'indagine - l'esistenza di una cellula jihadista attorno alla figura di Mickaël Harpon, ll'assassino della Prefettura.

La Prefettura di Parigi, teatro della strage.