Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Yemen: la crepa nella coalizione sunnita

Yemen: la crepa nella coalizione sunnita
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Decine di migliaia di persone si sono radunate questo giovedì ad Aden, sulla costa sud dello Yemen, a sostegno delle forze separatiste, leali al Consiglio di transizione meridionale (STC), che lo scorso fine settimana si sono impossessate del palazzo presidenziale, dopo una battaglia che ha fatto almeno 40 morti. I manifestanti chiedono il riconoscimento del diritto all'autogoverno nella città portuale.

REUTERS/Fawaz Salman
Manifestazioni pro STC ad AdenREUTERS/Fawaz Salman

Crisi nella coalizione sunnita?

L'obiettivo dei separatisti è infatti quello di fare di Aden la capitale di uno Stato indipendente dallo Yemen. Fino a pochi giorni fa, il Consiglio era alleato dei miliziani fedeli al presidente Abd Rabbo Mansur Hadi, contro il nemico comune: i ribelli sciiti Huthi. Con l'occupazione del palazzo e il conseguente bombardamento da parte della coalizione guidata dall'Arabia Saudita, si è creata una profonda crepa nell'alleanza sunnita.

REUTERS/Fawaz Salman
La battaglia di Aden, 09/08/2019REUTERS/Fawaz Salman

Il governo di Hadi ha definito la mossa un "colpo di Stato" e il mancato intervento nel sud degli Emirati ha fatto storcere il naso. La città portuale era temporaneamente sede del governo centrale yemenita, da quando gli Huthi presero il controllo della capitale Sanaa, nelle prime fasi di questa sanguinosa guerra.

La guerra civile ha riacceso inoltre vecchie tensioni tra nord e sud dello Yemen, Paesi precedentemente separati che si unirono in un unico stato nel 1990.