Messico: altalene rosa per superare con il gioco la divisione del confine

Messico: altalene rosa per  superare con il gioco la divisione del confine
Di Simona ZecchiEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'idea è di 10 anni fa, il progetto è stato realizzato solo ora. Ma la frontiera USA-Messico detiene da tempo una storia tormentata del confine che si è acuita a partire dagli anni '80

PUBBLICITÀ

Altalene rosa per superare con il gioco la divisione del confine. È l'idea di due architetti e docenti californiani come risposta alla crisi umanitaria e alle politiche di tolleranza zero sui migranti adottate da Trump. L'idea è di 10 anni fa, il progetto è stato realizzato solo ora, ma la frontiera USA-Messico detiene da tempo una storia tormentata del confine.

Lo scorso novembre la situazione divenne incontrollabile.

"Siamo architetti e designer certo, ma si tratta di attivismo concreto qui: riuniamo persone per stare insieme, divertirci ed essere felici, poi volevamo dimostrare come le azioni che accadono da un lato hanno una conseguenza diretta sull'altro" ha riferito uno dei due architetti, Ronald Rael, professore di architettura alla University of California, Berkeley. L'altro docente è la professoressa associata di design alla San José State University, Virginia San Fratello.

Un parco-giochi al posto del muro divisivo, insomma, un progetto denominato "virgole rosa" o il "muro-altalena" (Teeter totter wall) in cui anche gli adulti partecipano e in cui mostrare come le azioni che accadono da un lato hanno una conseguenza diretta sull'altro". Anche il colore delle altalene non è stato scelto a caso: il rosa crea un forte contrasto col nero della barriera.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Messico: prima sfilata di moda per persone diversamente abili

Usa: il Senato approva 4,6 miliardi per l'emergenza al confine con il Messico

Gaza: uccisi tre figli del leader di Hamas Haniyeh in un bombardamento israeliano