Polonia: attacco al Gay Pride

Polonia: attacco al Gay Pride
Diritti d'autore  Agencja Gazeta/Agnieszka Sadowska via REUTERS
Di Salvatore Falco
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Polonia: attacco al Gay Pride. La città di Bialystok lo ospitava per la prima volta

PUBBLICITÀ

La città di Bialystok, nella Polonia orientale, ospita per la prima volta il Gay Pride, ma la festa viene rovinata dagli ultranazionalisti.

Quindici persone sono state arrestate per aver attaccato il corteo di circa 800 persone. Hanno interrotto la marcia più volte con lanci di petardi, pietre e bottiglie contro i manifestanti e gli agenti di polizia.

Secondo l'ong Campaign Against Homophobia, circa 30 enti locali polacchi, inclusi villaggi e assemblee regionali, si sono recentemente dichiarate "Zone libere dall'ideologia Lgbt" e un'importante campagna contro "l'ideologia LGBT", diventata il tema principale delle prossime elezioni legislative, si sta affermando in tutto il Paese.

"L'amore non è un peccato" e "Uguaglianza" le parole più usate per gli striscioni realizzati dai partecipanti che hanno continuato la loro marcia senza rispondere alle provocazioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia: i progetti europei di Donald Tusk

Antisemitismo e islamofobia: cosa succede alla Germania che guarda alla guerra Israele-Hamas

Grecia: in aula il disegno di legge sul matrimonio tra persone dello stesso sesso