Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Crimea: ancora carcere per i 24 marò ucraini

Crimea: ancora carcere per i 24 marò ucraini
Diritti d'autore
REUTERS/Shamil Zhumatov
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

I marinai ucraini catturati dalle forze russe dopo lo scontro nello stretto di Kerch dello scorso novembre potrebbero rimanere in carcere fino a ottobre.

I 24 uomini sono comparsi in un tribunale di Mosca chiamato a decidere di prolungare di altri 3 mesi la loro detenzione. I militari hanno così avuto la possibilità di avere dei brevi colloqui con i famigliari .

"Mi aspetto che la misura cautelare venga modificata" ha detto Lyudmyla Denisova difesore civico dei marinai ucraini "proponendo in cambio l'obbligo da parte degli stessi marinai di prendere parte alle indagini preliminari e a quelle giudiziarie. Io posso garantire questo obbligo in quanto persona autorizzata dall'Ucraina"

I 24 uomini sono accusati di essere entrati in modo illegale nelle acque russe ma Kiev ha sempre parlato di provocazione di Mosca. La zona è strategica per il commercio tra il Mar Nero e il Mar d'Azov.

Il loro destino sembra legato a uno scambio con alcuni cittadini russi detenuti in Ucraina, scambio proposto a giugno dal presidente Putin. Secondo le agenzie di stampa russe nei giorni scorsi si sono incontrati a Kiev le due controparti per discutere la questione.

Secondo la stampa russa le liste che i delegati dei due paesi si sono scambiati includerebbero 150 cittadini ucraini e 35 russi. Non ci sono altri dettagli ma una cosa sarebbe certa chi vuole la liberazione dei marinai ucraini ha posto una condizione: o tutti o nessuno.