Monsanto: meno risarcimento, ma condanna confermata

Monsanto: meno risarcimento, ma condanna confermata
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Meno soldi ai danneggiati, ma restano le responsabilità della multinazionale per l'uso di glifosato

PUBBLICITÀ

Anticostituzionale. È questo l'aggettivo usato da un giudice che ha rivisto al ribasso il risarcimento che la Monsanto dovrà pagare alla famiglia di un uomo oggi affetto da un linfoma provocato da un pesticida dell'azienda: il roundup. Respinta invece la richiesta di rifare il processo.

Il risarcimento per il signor Edwin Hardeman è stato ridotto dagli iniziali 8i milioni di dollari a 25,3, ma la responsabilitâ dell'azienda produttrice di glifosato resta confernata. La Monsanto, che oggi appartiene alla Bayer, ha oltre 13.000 cause in corso ed è già stata condannata a pagare centinaia di milioni per danni. Questa non è la prima sconfitta per la multinazionale che avrebbe mentito per anni sulla nocività del prodotto. In marzo una corte l'aveva condannata a oltre due miliardi di dollari di danni per lo stesso motivo.

Questa sentenza farà probabilmente giurisprudenza e verrà certamente usata da Monsanto negli altri procedimenti a suo cairco, ma non cambia la condanna né il calcolo del risarcimento delle spese sanitarie che invece l'uomo dovrà subire per il resto della vita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa: scuola esposta a sostanze nocive, la Monsanto deve pagare un risarcimento

Grecia: in aula il disegno di legge sul matrimonio tra persone dello stesso sesso

Caso Salis, Tajani: "Aspettiamo risposte", convocato l'ambasciatore dell'Ungheria