ULTIM'ORA

Mosca: le proteste dell'opposizione contro la legge elettorale "pro Putin"

Una delle leader dell'opposizione, Liubov Sobol, protesta davanti alla Commissione elettorale di Mosca.
Una delle leader dell'opposizione, Liubov Sobol, protesta davanti alla Commissione elettorale di Mosca. -
Diritti d'autore
REUTERS/Maxim Shemetov
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

MOSCA (RUSSIA) - Rabbia per le strade di Mosca.

Almeno 38 persone sono state fermate durante un corteo dell'opposizione contro una "legge truffa" che sancisce esclusione di molti candidati anti-Putin dalle elezioni in programma l'8 settembre per rinnovare il Consiglio comunale della capitale russa.
Tra le persone fermate ci sono anche esponenti di spicco dell'opposizione, come Ilia Iashin, Liubov Sobol e Dmitry Gudkov.

REUTERS/Maxim Shemetov
Dmitry Gudkov arringa la folla. (Mosca, 14.7.2019).REUTERS/Maxim Shemetov

Proteste davanti al Municipio di Mosca e alla sede della Commissione elettorale

La manifestazione, iniziata come un incontro con gli elettori, è presto divenuta un corteo di protesta.
I dimostranti hanno protestato prima davanti al Municipio di Mosca e poi davanti alla sede della Commissione elettorale, con slogan anti-governativi e anti-Putin.

REUTERS/Maxim Shemetov
Uno dei leader dell'opposizione, Ilia Iashin guida le proteste contro la discussa legge elettorale russa.REUTERS/Maxim Shemetov

Una legge contro i candidati anti-Putin

Una controversa legge, infatti, obbliga chi vuole candidarsi come indipendente o con un partito non rappresentato alla Duma, il Parlamento russo, a presentare un gran numero di firme di sostenitori.

Questa norma complica ulteriormente la partecipazione dei dissidenti alle elezioni. La Commissione ha escluso molti oppositori affermando che non avrebbero raccolto il necessario numero di firme e che alcune firme erano risultate false.

Non è la prima volta che agli attivisti anti-Cremlino viene negato l'accesso alla elezioni. Il caso più celebre riguarda Alexei Navalny, a cui è stato impedito di candidarsi alla presidenza nel 2018 a causa di una precedente condanna.

REUTERS/Maxim Shemetov
Fitto cordone di polizia. (Mosca, 14.7.2019).REUTERS/Maxim Shemetov
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.