EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Operazione "Cartagena" anti-camorra: 126 arresti nell'Alleanza di Secondigliano

Operazione "Cartagena" anti-camorra: 126 arresti nell'Alleanza di Secondigliano
Diritti d'autore 
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Maxi-blitz anti-camorra a Napoli: 126 arresti nell'ambito dell'Operazione "Cartagena", coinvolti gli affiliati dell'Alleanza di Secondigliano, appartenenti a tre importanti clan della camorra: Contini, Mallardo e Licciardi. Sequestrato un patrimonio illecito di oltre 130 milioni di euro.

PUBBLICITÀ

NAPOLI (ITALIA) - 126 arresti, all'alba di questo mercoledi, in un maxi blitz condotto dai Carabinieri del ROS e del Comando provinciale di Napoli.

Nel mirino dell'Operazione "Cartagena" sono finiti gli esponenti dell'Alleanza di Secondigliano, appartenenti a tre importanti clan della camorra: Contini, Mallardo e Licciardi.

A coordinare le indagini è stata la Direzione Distrettuale Antimafia, presso la Procura della Repubblica guidata da Giovanni Melillo.

Oltre agli arresti per reati che vanno a vario titolo dall'associazione di tipo mafioso al traffico di droga, passando per estorsione e usura, la Guardia diFfinanza si è occupata dei beni riconducibili alle persone arrestate: è stato sequestrato un ingente patrimonio accumulato in modo illecito dai clan e quantificato in circa 130 milioni di euro.

L'operazione è partita da Napoli, ma si è estesa su tutto il territorio nazionale e anche all'estero. 

Moto e volanti dei Carabinieri in Piazza Plebiscito a Napoli.

Cos'è l'Alleanza di Secondigliano?

L'Alleanza di Secondigliano è una sorta di "cartello malavitoso" tra più clan, attivo nella zona nord di Napoli: dal quartiere di Secondigliano, da cui prende il nome, ai quartieri di Scampia, Piscinola, Miano e Chiaiano.
Venne fondata alla fine degli anni Ottanta dai boss di tre famiglie malavitose: Edoardo Contini, Francesco Mallardo e Gennaro Licciardi.

Le indagini della DDA hanno consentito di ricostruire l'attuale assetto gerarchico dell'alleanza e i numerosi reati commessi dai suoi membri, documentando in alcuni casi anche l'ingerenza della malavita all'interno di strutture pubbliche.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni: no ad armi Nato all'Ucraina contro la Russia, sì ad alleanza con Popolari di von der Leyen

Cosa sappiamo finora della morte di Angelo Onorato, marito dell'eurodeputata Francesca Donato

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni, evacuato carcere Pozzuoli