Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

La Grecia dopo 8 anni di austerità

Syriza party supporters listen to a speech of Greek Prime Minister and party leader Alexis Tsipras
Syriza party supporters listen to a speech of Greek Prime Minister and party leader Alexis Tsipras -
Diritti d'autore
Athens, Greece, June 18, 2019. REUTERS/Alkis Konstantinidis
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo 8 anni di estenuanti programmi di aggiustamento all'insegna della piu' rigida austerità, la Grecia sembra ricominciare a respirare: l'economia è tornata a crescere, la disoccupazione è scesa e il governo Tsipras, il cui partito è stato travolto alle elezioni europee da un tonfo di consensi, ha presentato di recente una serie di misure in favore di lavoratori e pensionati.

Durante la conferenza stampa del 7 maggio scorso, il Primo Ministro greco Alexis Tsipras ha spiegato il senso dell'operazione: “Si tratta di un pacchetto di misure mirate, elaborate e programmate a lungo per sostenere le prospettive di crescita nei prossimi anni e per fornire un sollievo immediato alla maggior parte della popolazione."

Atene è tornata sui mercati internazionali, non solo finanziare il suo debito e le sue necessità. Per molti fondi di investimento globali, la Grecia è diventata un paradiso.

"Negli ultimi 8 o 9 anni gl asset greci sono arrivati ai minimi storici. I prezzi sono crollati in quasi tutti i settori: logistica, beni, immobili e soprattutto sul mercato azionario. Oggi invece il capitale gira proprio a partire dal mercato azionario".
Pantelis Papadopoulos
Vice direttore del fondo di investimento HellasFIn

Pantelis Papadopoulos, Direttore del fondo di investimento HellasFIn, spiega che "negli ultimi 8-9 anni gl asset greci sono arrivati ai minimi storici . I prezzi sono crollati in quasi tutti i settori: logistica, beni, immobili e soprattutto sul mercato azionario. Oggi invece il capitale gira proprio a partire dal mercato azionario".

Symela Touchtidou, inviata di Euronews ad Atene, si chiede se "davvero quella greca è la storia di un successo. Resta tutto da dimostrare. I dati mostrano che il paese si è gettato alle spalle la crisi economica e i programmi di salvataggio, ma il peso del passato piega ancora la schiena dei cittadini".

A partire dalla tasse. Per riempire le casse dello stato, la gente si è svenata: "La famiglia media in Grecia (due figli e un solo reddito da lavoro) ha subito negli ultimi 10 anni aumenti di imposte e contributi di oltre il 35% - spiega Kostas Sfakakis, consulente fiscale della Federazione Ellenica delle Imprese - Paghiamo imposte dirette e indirette come fossimo un paese scandinavo, ma siamo lontanissimi dall'avere in cambio le stesse prestazioni sociali".

"In Grecia si pagano imposte dirette e indirette come fosse un paese scandinavo, ma siamo lontanissimi dall'avere in cambio le stesse prestazioni sociali".
Kostas Sfakakis
Consulente fiscale della Federazione Ellenica delle Imprese

Il debito delle famiglie è diventato insopportabile: durante la crisi l'indebitamento privato è salito dal 66 al 137% del Pil. Ogni giorno gli avvocati che si occupano di consulenza su questo tema ricevono decine di cittadini in cerca di un aiuto.

Secondo Stratis Nikolakeas, Consulente legale dell'Unione Debitori: "Due terzi del debito privato provengono principalmente da persone che hanno visto la loro pensione o il loro stipendio calare del 40-50%. O, ancora peggio, che è rimasta disoccupata. Molte coppie in Grecia si sono trovate di fronte a una disoccupazione di lunga durata. In moltissimi hanno chiesto aiuto ai genitori pensionati."

Non stupisce, tutto considerato, che nel paese la fine del piano di salvataggio non sia stato accolto proprio come una festa. di certo Non puo' festeggiare troppo il governo in carica, punito duramente alle europee. Tsipras e il suo esecutivo usciranno di scena in autunno.