Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Europee, finale di campagna per Timmerman e Weber

Europee, finale di campagna per Timmerman e Weber
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

"Guerra ai populismi".

Una"dichiarazione di guerra" a populismi e nazionalismi: così il Ppe, il partito che alle scorse europee ottenne la maggiore rappresentanza in Parlamento, si prepara al voto di domenica. Nel suo comizio conclusivo, a Monaco, il candidato di punta Manfred Weber si è impegnato a "difendere i cittadini e il libero scambio" dall'ingerenza della criminalità e degli estremismi.

"Le nuvole all'orizzonte sono molte" ha detto Weber. "Il commercio, la Brexit che crea insicurezza e il comportamento del presidente americano Trump; ed è per questo che noi, come europei, dobbiamo prendere una posizione chiara".

A dargli sostegno avrebbe dovuto esserci il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, considerato ormai un simbolo dal Ppe per via delle sue posizioni europeiste e per la sua presa di distanze dall'euroscetticismo che pure è proprio delle formazioni di destra con cui il suo Partito popolare austriaco governa a Vienna. Alla vigilia del voto di fiducia che, lunedì prossimo, dovrà decidere del suo futuro alla guida dell'esecutivo, Kurz ha però dovuto limitarsi a un intervento in videoconferenza, ritenendo inopportuno allontanarsi da Vienna mentre continua a montare lo scandalo che ha travolto il suo ex vice Crhstian Strache - leader della formazione d'estrema destra Fpo e considerato da molti erede di Jorg Heider - che in un video registrato a sua insaputa è ritratto nell'atto di accettare le offerte di corruzione da parte di una giornalista che si spacciava per un'oligarca russa.

Timmerman a Barcellona e Milano.

Nelle stesse ore, durante un comizio tenuto a Barcellona a fianco del premier spagnolo Pedro Sanchez, il candidato di punta del Partito socialista europeo, Frans Timmerman, ha appreso della vittoria della sua formazione laburista nel voto in Olanda, dove le urne si sono aperte già giovedì. Il leader olandese, già Vicepresidente della Commissione sotto la guida di Juncker, ha continuato a spingere per un'alleanza progressista che abbracci l'intero arco sinistro dell'Europarlamento, "da Tsipras a Macron", in modo da contenere un'eventuale avanzata dell'onda euroscettica. Le trattative politiche, già in corso da alcuni mesi, sono andati intensificandosi in questo senso nelle ultime settimane.

Timmerman è poi volato subito dopo a Milano, per una chiusura di campagna elettorale del Pd, dove ha incontrato il neo-segretario Nicola Zingaretti.