EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Sudan: i militari non lasciano il potere, la piazza protesta

Sudan: i militari non lasciano il potere, la piazza protesta
Diritti d'autore Sudan May 15, 2019. REUTERS/Stringer
Diritti d'autore Sudan May 15, 2019. REUTERS/Stringer
Di Paola Cavadi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Continua il braccio di ferro tra i manifestanti e la giunta militare che guida il Paese dal rovesciamento, l'11 aprile, del trentennale regime di Omar al-Bashir. La piazza accusa i militari di ritardare la transizione del potere a un'autorità civile e minaccia lo sciopero generale.

PUBBLICITÀ

Continua il braccio d ferro tra la giunta militare che guida il Sudan e i manifestanti che chiedono da settimane una rapida trasizione del potere nelle mani di un'autorità civile, dopo il rovesciamento, l'11 aprile, del regime trentennale di Omar al Bashir. Nonostante i colloqui vadano ufficialmente avanti, le posizioni su tempi e modi del passaggio di poteri restano molto distanti.

"Penso che il consiglio militare transitorio stia ritardando la transizione verso un'autorità a guida civile per guadagnare tempo e organizzarsi all'interno del partito - dice questa manifestante - la giunta militare ha l'obbligo di trasferire il potere a un'autorità civile".

La piazza chiede "una limitata rappresentanza militare" in un consiglio sovrano, ma i militari intendono guidare una transizione concordata non piu' breve di 3 anni. La data del prossimo tavolo di negoziati non è stata ancora fissata. Le manifestazioni potrebbero presto sfociare in uno sciopero generale. Intanto Stati Uniti, Gran Bretagna e Norvegia prendono posizione in favore dei manifestanti

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parte la repressione in Sudan: 9 morti nello sgombero di un sit in

Sudan: spari contro soldati e manifestanti, morti e feriti

Sudan, dopo il golpe i militari trattano