Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Migranti: Frontex per la prima volta fuori dalla Ue, arriva in Albania

Migranti: Frontex per la prima volta fuori dalla Ue, arriva in Albania
Diritti d'autore
REUTERS/Florion Goga
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

50 membri dell'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, Frontex, appartenenti a 11 paesi dell'Unione europea, si schierano a fianco dei loro colleghi albanesi al confine fra l'Albania e la Grecia. È la prima missione in uno Stato non membro dell'Ue.

"Questa operazione segna una nuova fase per la cooperazione alle frontiere tra l'Ue e i suoi partner dei Balcani occidentali ed è un ulteriore passo verso la piena operativita' dell'Agenzia", si legge in una nota dell'esecutivo Ue.

"Capitolo nuovo nella cooperazione in materia di migrazione"

Secondo Dimitris Avramopoulos, commissario per la migrazione, "con il primo dispiegamento di squadre europee di guardie costiere e di frontiera al di fuori dell'Ue, stiamo aprendo un capitolo completamente nuovo in la nostra cooperazione in materia di migrazione e gestione delle frontiere con l'Albania e con l'intera regione dei Balcani occidentali, un vero e proprio punto di svolta e un passo veramente storico, che avvicina questa regione all'UE collaborando in modo coordinato e di reciproco sostegno a sfide condivise come come meglio gestire la migrazione e proteggere i nostri confini comuni".

Negoziati in corso con altri Paesi

L'Ue ha negoziati in corso per raggiungere un simile accordo anche con gli altri paesi dei Balcani. Per il premier albanese Edi Rama, grazie a questo accordo il suo paese si trasforma "in un contributore per la sicurezza europea, e nello stesso tempo dimostra la nostra ferma volontà ad essere un partner affidabile dell'Ue", dalla quale il prossimo mese Tirana si aspetta di ottenere il via libera per l'avvio dei negoziati di adesione all'Ue.