ULTIM'ORA

Ucraina: Zelensky giura da Presidente ma già perde pezzi, Mosca non si congratula

Ucraina: Zelensky giura da Presidente ma già perde pezzi, Mosca non si congratula
Diritti d'autore
Reuters
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Cerimonia solenne alla Rada Suprema, il Parlamento ucraino dove il Presidente Volodymyr Zelensky ha giurato sulla Costituzione e si è insediato al potere.

Primo atto: lo scioglimento dell'assemblea in vista di nuove elezioni, che comunque non si terranno prima di aver approvato, il Presidente ha posto un limite di due mesi, una legge anticorruzione e abrogazione dell'immunità parlamentare.

Il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov, rende noto che Vladimir Putin non ha in programma di congratularsi a breve con il nuovo Presidente ucraino.

"Il Presidente Putin si congratulerà con Zelensky - dice - per le sue prime azioni decisive per risolvere il conflitto interno nel sud-est dell'Ucraina e anche dopo i primi risultati nella normalizzazione delle relazioni russo-ucraine".

Inizia cosi la presidenza dell'ex attore, interprete di una serie tv in cui impersonava proprio il ruolo del Presidente in carica, mentre arrivano a sorpresa le prime repentine dimissioni del Primo MInistro, Groysman, e del Ministro della Difesa, Poltorak.

Zelensky puo' licenziare il Parlamento?

Sì, il potere di sciogliere il Parlamento risiede nelle mani del Capo dello Stato in presenza di una ragione legale.

Tuttavia, sarà necessario attendere la firma dell'ordine ufficile di scioglimento da parte del Presidente per conoscere la ragione di diritto che Zelenskij intende invocare.

Al momento, in Parlamento nessun gruppo appoggia il partito del Presidente, il cui partito si trova in cima al gradimento nei sondaggi.

Tra le cose che il Presidente ha chiesto al Parlamento prima di decretarne lo scioglimento, c'è anche il licenziamento del Direttore dei Servizi di Sicurezza, Vasyl Hrytsak, del Procuratore generale, Yuriy Lutsenko, e del Ministro della Difesa, Stepan Poltorak.

Cosa succede ora?

In Ucraina si terranno elezioni anticipate, presumibilmente questa estate, benchè invece fossero inzialmente previste a ottobre.

Qual'è la posizione di Zelensky sul piano internazionale?

"Ogni cittadino dell'Ucraina oggi diventa Presidente" - ha dichiarato emozionato Zelensky, che ha fatto riferimento al valore dell' unità nazionale che consentirà al paese "di superare tutte le difficoltà".

Salda l'aspirazione, che definisce "sogno comune", a far parte dell'Unione Europa che per l'Ucraina, sottolinea, "non inizia a Bruxelles, ma risiede nella testa".

I difficili rapporti con la Russia

Il vero primo macigno sulla presidenza-Zelensky si chiama Donbass. Nel discorso di insediamento, ha chiarito la sua determinazione a far finire la guerra, "senza cedere un millimetro del territorio ucraino". "Siamo pronti per un dialogo con la Russia - ha dichiarato in aula - ma sono sicuro che il primo passo per l'inizio di questo dialogo sia il ritorno di tutti i prigionieri ucraini in Russia".

Come promesso in campagna elettorale, l'ex comico chiede a Mosca di consegnare i 24 marinai arrestati a novembre dopo gli incidenti tra la marina russa e quella ucraina nello stretto di Kerch. "Entrambe, la Crimea e il Donbass, sono territorio ucraino che abbiamo perso insieme, cosa ancora piu'importante, ai nostri compatrioti.

Oggi dobbiamo far cambiare loro mentalità, sono sicuro che ci ascoltano, Io ho cambiato mentalità: negli ultimi anni, le autorità non hanno fatto nulla per aiutare queste persone a identificarsi come ucraini. Loro non sono alieni, è la nostra gente, sono ucraini".

Durante la campagna elettorale, è stato accusato di simpatie filo-russe e di essere legato a doppio filo con Igor Kolomoiski, un oligarca proprietario dei canali sui quali sono andati in onda i programmi che lo hanno reso celebre, nonchè ex proprietario di Privat Bank, l’istituto di credito nazionalizzato nel 2016.

Qualche info di background

Zelensky ha vinto con una vittoria schiacciante (73% dei consensi) nelle elezioni di aprile, senza aver mai avuto precedenti esperienze politiche.

Le sue promesse elettorali erano ambiziose: in cima alla lista, la lotta alla povertà.

Il 39% degli ucraini si aspetta che tagli le bollette del riscaldamento entro i suoi primi 100 giorni, poco meno invece si aspetta che soddisfi la promessa di affrontare la corruzione abrogando l'immunità parlamentare.

Nel suo discorso inaugurale, in cui ha parlato sia in ucraino che in russo, l'ex comico ha detto anche che "l'Ucraina deve diventare come l'Islanda del calcio: un gruppo di atleti non professionisti che difendono il proprio Paese".

Cari concittadini, negli ultimi anni ho fatto tutto ciò che potevo per farvi ridere. Nei prossimi cinque anni farò tutto ciò che posso per non farvi piangere
Volodymir Zelenskiy
Presidente ucraino
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.