EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Il caso Sea Watch riaccende la battaglia dei migranti

Il caso Sea Watch riaccende la battaglia dei migranti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nostra intervista alla portavoce italiana dell'Ong che gestisce il natante umanitario

PUBBLICITÀ

Sono complessivamente 18 i migranti a bordo della Sea Watch 3 ai quali è stato concesso di sbarcare. Lo rendono noto fonti del Viminale secondo le quali l'autorizzazione è stata concessa "solo ai bambini accompagnati e ad un uomo in precarie condizioni di salute".

A bordo delle motovedette della Guardia Costiera sono saliti quindi sette bambini con i genitori, sette madri e tre padri. Più il migrante con gravi problemi di salute.

Scatta però un procedimento contro ignoti

Ma intanto la Procura della Repubblica di Agrigento ha deciso di aprire un fascicolo d'inchiesta anche sul caso "Sea Watch". Il procuratore aggiunto Salvatore Vella, che si trova a Lampedusa per l'interrogatorio dell'armatore della nave "Mare Jonio", si sta recando in banchina dove giungono  i 18 migranti autorizzati, dal Viminale a sbarcare. Il fascicolo per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, è attualmente a carico di ignoti.

Euronews ha raggiunto telefonicamente nello scorse ore la rappresentante in Italia di Sea Watch Giorgia Linardi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sbarcano i 47 migranti di Sea Watch, Salvini sbotta in diretta

Latina, indagato datore di lavoro per morte bracciante: aveva abbandonato Satnam con braccio mozzato

Italia: i migranti di Monfalcone accendono il dibattito in vista delle elezioni europee