ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezia: una Biennale per curare l'umanità

Venezia: una Biennale per curare l'umanità
Dimensioni di testo Aa Aa

E' stata l' installazione lituana "Sun & Sea (Marina)" che ha vinto il Leone d'oro per la migliore partecipazione artistica alla 58esima Biennale di Venezia appena inaugurata.

Si parte da una spiaggia (l'inizio e la fine)

La ricostruzione di una spiaggia, come quelle che popolano i turisti ma che adesso sono affacciate su scenari ben tragici.

Non a caso L'Alto commissariato delle Nazioni Unite in occasione della Biennale d'arte lancia un progetto di sensibilizzazione per chi fugge e cerca protezione. La mostra "Rothko in Lampedusa" è uno degli eventi top nell'ambito della Biennale. Al centro della riflessione, Lampedusa, usata come simbolo.

Carlotta Sami, potavoce per l'Europa del sud di UNHCR:"Ho incontrato i sopravvissuti di questa imbarcazione. Solo 24, tutti giovani ragazzi, tremanti e con gli occhi sbarrati. Era all'alba a Catania, il porto di Catania nell'aprile 2015. E poi ho visto quella mostruosa barca quando è stata recuperata con i suoi 800 cadaveri ".

Un ospedale vero

Se invece volete visitare un ospedale il padiglione israeliano fa per voi. La curatrice Aya Ben Ron ci spiega che qui bisogna aspettare ci vuole pazienza. "È un ospedale, è un vero ospedale, non è una performance, non è un'installazione, non è una mostra, è un'istituzione, che sta iniziando ora, qui alla Biennale, ma viaggerà in altri luoghi".

Dopo essere stati sulla spiaggia e aver visto i migranti morti, si può venire qui per scaricare la rabbia o l'angoscia. La Biennale di Venezia 2019 è anche questo