EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il Papa in Bulgaria: "Rifugiati e migranti portano la croce"

Il Papa in Bulgaria: "Rifugiati e migranti portano la croce"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo giorno della visita di Francesco a Sofia e Rakovsky.

PUBBLICITÀ

Vuole una Chiesa di prossimità, vicina alla gente. Vuole che l'Europa non rinunci a una politica inclusiva verso chi "cerca di fare ingresso all'interno dei confini, per sfuggire a guerre e conflitti o alla miseria". Papa Francesco lo ribadisce anche in uno dei Paesi più poveri dell'Unione Europea: il secondo giorno della visita pastorale in Bulgaria e Macedonia del Nord è infatti dedicato alle minoranze cattoliche e ai rifugiati. Nel campo profughi a pochi chilometri da Sofia, Francesco ha incontrato circa 50 persone, tra bambini e adulti, la maggior parte originarie di Iraq e Siria.

"Oggi il mondo dei migranti e dei rifugiati è un po' una croce, una croce dell'umanità - ha detto il Pontefice - è la croce che tanta gente soffre".

Dopo la visita al campo profughi, il Papa si è diretto a Rakovsky, città a circa 150 chilometri da Sofia, in cui vive una importante comunità cattolica: una enclave, che si è ritagliata una nicchia in un Paese in cui i cattolici rappresentano lo 0,5% della popolazione.

A Rakovsky il Papa ha celebrato la Santa Messa e presieduto al sacramento della prima comunione per circa 200 bambini.

Domani Francesco sarà nella Macedonia del Nord, dove visiterà anche la casa natale di Madre Teresa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Papa in Romania: "No a cultura dell'odio, i migranti una ricchezza"

Inizia la missione del Papa in Romania. L'attesa dei pellegrini al santuario di Şumuleu Ciuc

Chi è Konrad Krajewski, l'elemosiniere "Robin Hood" di Papa Francesco