EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Venezuela: la quiete prima della tempesta

Venezuela: la quiete prima della tempesta
Diritti d'autore REUTERS/Ueslei Marcelino
Diritti d'autore REUTERS/Ueslei Marcelino
Di Paola Cavadi
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per le strade sembra essere tornata la normalità, ma l'opposizione non molla e rilancia nei prossimi giorni nuove mobilitazioni. Intanto il presidente Maduro lancia un programma di riforma della rivoluzione.

PUBBLICITÀ

A Caracas il clima è quello di una strana calma prima della tempesta. Nelle strade sembra essere tutto rientrato nella normalità dopo il tentativo fallito di colpo di stato organizzato dall'opposizione, guidata dal leader scarcerato Leopoldo Lopez e il presidente autoproclamato Juan Guaido'.

Leopoldo Lopez, Caracas, Venezuela 2/05/2019. REUTERS/Manaure Quintero

I presidi dell'opposizione restano, nonostante il rischio di ritorsioni: "Non ho paura - ci dice Josè - dipendente pubblico che guadagna 4 dollari al giorno - non è piu' tempo di avere paura, dobbiamo scendere in strada, cosa abbiamo da perdere? 18 mila bolivar del mio salario? e cosa dovrei farci? Assolutamente nulla".

Tutti i dipendeti pubblici sono stati chiamati ad incrociare le braccia dall'opposizione, obiettivo: arrivare in qualche giorno alla convocazione di uno sciopero generale dell'intero settore pubblico che dia la spallata finale al governo Maduro. Questi i piani di Lopez e Guaido', confermati da Rafael Veloz, parlamentare del partito Volontà Popolare: "Esercitando una pressione di questo tipo - spiega - il sistema puo' arrivare a cadere. Questo sistema, chiamato socialismo del XXI secolo, si trova in uno dei momenti peggiori della storia degli ultimi 20 anni".

Ma in un'intervista esclusiva all'agenzia di stampa spagnola EFE, Leopoldo Lopez non arretra e conferma che l'intervento militare straniero per abbattere il regime non è affatto un tabu', ma al contrario fa parte delle opzioni costituzionali in campo.

Nicolas Maduro e consorte Cilia Flores, Caracas, 2/05/2019 (via REUTERS)

Secondo quanto riferisce l'inviato di Euronews a Caracas, Victor Estepa: "Il presidente Maduro ha chiamato i suoi sostenitori a una due giorni di dibattito interno. Obiettivo della consultazione è preparare un piano di riforma della rivoluzione venezuelana che metta a tacere le polemiche interne. Dall'altra parte, l'opposizione annuncia nuove mobilitazioni nei prossimi giorni".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Venezuela: marcia pacifica verso le caserme

Il Venezuela, tra scontri e clima da guerra fredda. Un'altra vittima a Caracas

Guaidó contro Maduro: cosa succede ora in Venezuela?