ULTIM'ORA

Netflix Vs Cinema: ritorna la polemica

sede di Los Angeles
sede di Los Angeles -
Diritti d'autore
REUTERS/Lucy Nicholson/File Photo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il cattivo da Oscar per antonomasia è da qualche tempo a questa parte Netflix: la piattaforma streaming che, cattivissima secondo alcuni, non guarda in faccia a nessuno con i suoi contenuti on demand e il cui sbarco nelle premiazioni cinematografiche più ambite (dagli Oscar, a Venezia passando per Cannes e atterrando ai David di Donatello) ha innescato polemiche che tuttora non accennano a diminuire.

La più celebre, già nota, è quella che il famoso regista Steven Spielberg ha avviato chiedendo all'Academy che Netflix competa per i premi Emmy e non per gli Oscar. Dall'account twitter della piattaforma era arrivata una risposta indiretta dove Netflix ha rivendicato il suo amore per il cinema e i suoi meriti nell'industria della settima arte.

Ad aver dato un altro colpo alla querelle è stata in Italia l'ammissione ai David di Donatello del film "Sulla mia pelle", sulla uccisione del giovane Stefano Cucchi nel 2009 a causa delle percosse da parte di alcuni Carabinieri, sette giorni dopo il suo arresto. L'apertura a Netflix è arrivata perché la pellicola era passata per 7 giorni anche nelle grandi sale. Dal canto suo il Ministro Bonisoli ha varato un decreto legge valido solo per le pellicole meno fortunate che possono essere trasmesse in streaming dopo 60 o 10 giorni a seconda degli incassi e del numero di copie.

E' recente invece la lettera inviata dal Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti alla Academy in cui si stabilisce che l'esclusione di Netflix dagli Oscar potrebbe violare la legge americana antitrust e la cui modifica in tal senso potrebbe “limitare la concorrenza".

Insomma è guerra fra piccolo e grande schermo, soprattutto per i titoli stranieri che occupano di fatto la fetta più ricca del mercato rispetto all'Italia.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.