ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Irlanda del Nord, scontri a Londonderry, muore una reporter

Irlanda del Nord, scontri a Londonderry, muore una reporter
Diritti d'autore
Leona O'Neill via REUTERS
Dimensioni di testo Aa Aa

In Irlanda del Nord torna l'incubo terrorismo. A Londonderry mezzi della Polizia, impegnati in alcune perquisizioni, sono stati presi di mira da un gruppo di persone incappucciate che lanno lanciato loro bombe carta e pietre. Ne è nata una sparatoria durante la quale una donna, una giornalista di 29 anni è morta come confermato dal vicecapo della polizia Mark Hamilton: "Sfortunatamente alle 11 di ieri sera un uomo armato di pistola è apparso e ha sparato un numero di colpi verso la polizia e una giovane donna Lyra McKee di 29 anni è stata ferita e portata immediatamente in ospedale dove pero', sfortunatamente, è arrivata già priva di vita. Crediamo - ha continuato Hamilton - si tratti di un atto terroristico.Il nostro giudizio in questo momento è che dietro a questo episodio ci sia la nuova IRA. E' molto probabile ed è in quegli ambienti che viene condotta la nostra inchiesta".

Bipartisan il sentimento di sdegno verso questo atto terroristico e di cordoglio per la morte della reporter. L'attentato, secondo gli investigatori, sarebbe da collegare alle celebrazioni per la rivolta dell'aprile 1916, ricordata come la Pasqua di sangue, quando l'esercito inglese reagì con la violenza contro la dichiarazione di indipendenza dell'Irlanda del Nord.

Secondo la Polizia il gruppo che si rifà alle ideologie dei terroristi dell'IRA è ritenuto responsabile del riacutizzarsi della violenza negli ultimi mesi.