Gaza, in marcia per la terra: tensioni e un morto

Gaza, in marcia per la terra: tensioni e un morto
Diritti d'autore 
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un giovane palestinese è rimasto ucciso prima del raduno ai confini con Israele

PUBBLICITÀ

Una popolazione in diaspora che chiede di tornare a casa. Anche quest'anno i palestinesi di Israele e quelli della Cisgiordania, di Gaza e i residenti all’estero celebrano la 43esima Giornata della Terra, che ricorda le sei vittime palestinesi in Galilea durante le proteste contro la confisca delle terre arabe.

Il Giorno della Terra del 2019 coincide con il primo anniversario della Grande Marcia del Ritorno di Gaza: un presidio con il quale i Palestinesi rivendicano il diritto a ritornare nei territori dai quali sono fuggiti o sono stati cacciati dalla fondazione di Israele.

Gli scontri ai confini avvelenano un clima già teso: Mohammed Saad, 21 anni, palestinese, è stato ucciso dal fuoco israeliano, qualche ora prima della grande manifestazione, che chiude un anno di proteste e cortei settimanali contro i 12 anni di embargo, imposto su Gaza da Israele ed Egitto.

Decine di migliaia di palestinesi hanno raggiunto gli accampamenti, allestiti nella fascia orientale di Gaza, ad alcune centinaia di metri dalle barriere con Israele, per rilanciare le ragioni della protesta, anche alla luce dei 250 uccisi e delle migliaia di feriti dal fuoco dei tiratori scelti israeliani durante i cortei tenuti da un anno a oggi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: almeno nove morti a Rafah, combattimenti in Cisgiordania

Iraq, attacco contro una base militare: un morto e otto feriti

Gaza: cinquemila tonnellate di aiuti in partenza dalla Turchia, oltre 34mila morti nella Striscia