ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il 43% degli italiani non fa MAI attività fisica nel tempo libero

Il 43% degli italiani non fa MAI attività fisica nel tempo libero
Diritti d'autore
MaxPixel
Dimensioni di testo Aa Aa

Più di un quarto dei cittadini europei non fa assolutamente alcun tipo di esercizio fisico al di fuori dall'orario di lavoro. In Italia questo dato sale al 43%. Lo rivelano le ultime statistiche Eurostat. Secondo questo dataset pubblicato giovedì, il 28% degli europei nel 2017 non ha fatto alcun tipo di moto nel tempo libero.

I dati mostrano però che la maggioranza degli individui fa sport, attività di fitness o di tipo ricreativo: il 27% degli intervistati per meno di tre ore a settimane, il 17% fino a cinque ore a settimana e un 28% per più di 5 ore ogni sette giorni.

Top e flop

Il Paese più sportivo di tutti è la Romania, con il 96% della popolazione che fa attività fisica in orario non lavorativo. Seguono la Danimarca (93%) e i Paesi Bassi (91%). Il Portogallo e la Croazia sono in fondo alla classifica rispettivamente con una percentuale del 45% e del 36%. L'Italia è sotto la media europea come si vede da questo grafico.

Nel nostro Paese, il 18% ha dichiarato di muoversi da 1 a 2 ore al giorno; il 13.4% da 2 a 3 ore; il 24.2% oltre le 3 ore e il 43.1% degli intervistati nel 2017 non ha fatto alcuna attività sportiva nel tempo libero.

Un sondaggio di Eurobarometer pubblicato nel marzo 2018 ha rilevato che il 15% degli europei non cammina per più di 10 minuti alla volta durante la settimana e il 12% rimane seduto per più di 8,5 ore al giorno, spesso davanti alla scrivania di lavoro.

Il principale ostacolo alla partecipazione ad attività fisiche o sportive è la mancanza di tempo secondo il 40% degli intervistati. Nel complesso, i livelli di partecipazione allo sport o all'attività fisica sono risultati stagnanti dal 2013 nonostante le misure adottate per aumentarne la partecipazione.

Il rapporto ha inoltre rivelato che gli uomini si dedicano all'attività fisica più delle donne, con una disparità crescente tra i giovani. Anche i livelli di istruzione più bassi e le difficoltà finanziarie hanno un impatto.