Christchurch: il lutto del Parlamento neozelandese

Christchurch: il lutto del Parlamento neozelandese
Diritti d'autore REUTERS/Edgar Su
Diritti d'autore REUTERS/Edgar Su
Di Luca Colantoni
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ennesimo risveglio con le immagini della strage di Christchurch nella mente. La Nuova Zelanda non riesce a darsi pace per una giornata che ha segnato per sempre la storia del Paese.

PUBBLICITÀ

Ennesimo risveglio con le immagini della strage di Christchurch nella mente. La Nuova Zelanda non riesce a darsi pace per una giornata che ha segnato per sempre la storia del Paese. Un fiume di fiori. Incessante e senza distinzione di fede religiosa il tributo alle vittime della follia di Brenton Tarrant che sparando all'impazzata in due moschee ha ucciso 50 persone. Il Parlamento della Nuova Zelanda ha riaperto i lavori all'insegna del lutto.

Jacinda Ardern, Primo Ministro
"Quel tranquillo venerdì pomeriggio è diventato il nostro giorno più buio. Ma per le famiglie, era più di questo, era un giorno con un semplice atto di preghiera, un giorno per praticare la loro fede nella religione musulmana, non un giorno per perdere la vita dei loro cari"

Anche per il Governatore generale della Nuova Zelanda è un giorno che avrà un impatto duraturo nella vita di ognuno.

Patsy Reddy, Governatore Generale
"Ha cambiato il Paese perché ci renderà più forti e determinati a rimanere uniti in futuro e impiegheremo più tempo per assicurarci di integrare le minoranze, siano esse minoranze religiose o minoranze etniche".

Dal Governo la determinazione, entro breve tempo, di modificare la legge sul possesso e l'acquisto di armi nel Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Capodanno: il mondo accoglie il 2024

Capodanno: la Nuova Zelanda celebra l'arrivo del 2024, fuochi d'artificio a Auckland

Nuova Zelanda: il governo di Luxon lancia un assist all'industria del tabacco