EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nuova Zelanda: il coraggio degli "eroi"

Nuova Zelanda: il coraggio degli "eroi"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Parla il fratello di Naeem Rashid, l'uomo di orgini pachistane rimasto gravemente ferito mentre tentatava di disarmare il terrorista

PUBBLICITÀ

Nelle ore in cui Christchurch era in lutto per le vittime della strage nelle due moschee che ha causato 50 vittime, Brenton Tarrant la guida del commando di 4 persone che ha aperto il fuoco si è presentato davanti ai giudici. A poca distanza è arrivata anche la notizia che Naeem Rashid, non ce l'ha fatta. L'uomo di orgini pachistane rimasto gravemente ferito mentre tentatava di disarmare il terrorista. Khursheed Alam, ricorda il fratello scomparso:

Sono molto orgoglioso di mio fratello, il modo in cui è morto. Mi auguro di morire come lui. Era una perosna coraggiosa. Ho parlato con alcuni testimoni ha salvato diverse vite cercando di fermare quel ragazzo.

Il paese intanto è sotto stato di shock - sono infatti stati cancellati eventi sportivi ed eventi culturali e le sinagoghe sono rimaste chiuse in segno di lutto nella giornata di sabato. Intanto anche il Primo Ministro ha reso omaggio alle 50 vittime.

Intanto mentre la polizia è alla caccia dei complici di Tarrant, indagando nella vita del 28 enne che in passato ha visitato i Balcani la Corea del Nord e l'Afghanistan, il sedicente Stato Islamico promette vendetta. In una serie di messaggi su Telegram il gruppo annuncia la risposta è in arrivo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attacco Nuova Zelanda, il killer in tribunale fa il saluto dei suprematisti

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace

Israele: attacco con coltello in un centro commerciale in Galilea, due morti compreso attentatore