ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ginevra: il futuro dell'auto è elettrico

Ginevra: il futuro dell'auto è elettrico
Dimensioni di testo Aa Aa

Jeremy Wilks, euronews: "C'è un'atmosfera elettrizzante, o sarebbe meglio dire elettrificata, qui al Motor Show di Ginevra. Marchi storici e nuovi che abbandonano i combustibili fossili per un futuro elettrico".

L'elettrico è ormai in tutti i segmenti dalle macchine da città fino alle supercar, come i bolidi Pininfarina.

Così un portavoce della società: "Quest'auto ha circa 2000 cavalli motore il mezzo più vicino ad essa che ho guidato è stata una monoposto di formula uno da circa 900 cavalli. Questa macchina ha il doppio della potenza".

La francese Citroen celebra il suo centenario e ne approfitta per presentare l'auto più lenta qui a Ginevra, l'Ami One Concept.

L'amministratore delegato dice: "Non lo chiamiamo un veicolo, è piuttosto un oggetto per aree urbane. Chiunque può guidarlo. È lungo appena due metri e mezzo e raggiunge una velocità massima di 45 km/h, l'autonomia è di 100 km. È ancora un prototipo, ma vogliamo vedere dove ci porterà".

Il trend delle auto elettriche potrebbe anche rilanciare alcuni marchi appannati. come l'Aston Martin e il nome Lagonda.

Andy Palmer, AD della Aston Martin: "In alcune regioni come la Cina o la California c'è una domanda crescente di veicoli elettrici. Per adesso si parla del 2% della produzione. Ancora limitata, ma in nazioni come la Cina siamo già all'8% e la crescita è rapida in posti come la California".

Jeremy Wilks, euronews: "Qui ci sono veicoli puramente elettrici, ma ci sono anche tanti modelli ibridi. Sono macchine che vanno anche a benzina".

Peter Nota della BMW dice: "Il modello delle auto ibride è qualcosa che funziona soprattutto in Europa. La gente vuole guidare a emissioni zero fra distanze corte. Auto che possono farlo in una modalità completamente elettrica, ad esempio in città, ma possono anche compiere distanze più lunghe senza necessità di ricarica, supportate da motori a combustibile fossile".

Le leggi sulle emissioni in Europa diventano più stringenti e questo potrebbe dare nuova forza al comparto dell'elettrico.