ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Campagna elettorale con strage per la calca in Nigeria

Campagna elettorale con strage per la calca in Nigeria
@ Copyright :
Luc Gnago (Reuters)
Dimensioni di testo Aa Aa

E' ancora imprecisato il numero di morti e feriti nello stadio di Port Harcourt, sud della Nigeria, dove si stava tenendo uno dei comizi conclusivi della campagna elettorale del presidente uscente Muhammadu Buhari. La folla si è accalcata contro un cancello dal quale era uscito il presidente.

Il 16 febbraio si va alle urne. Il mussulmano ed ex generale Buhari corre per un secondo mandato, e il suo sfidante è l'ex vicepresidente Atiku Abubakar che guida l'unica opposizione con ambizioni possibili di vittoria.

La parola degli elettori

Le opinioni degli elettori tracciano sinteticamente il quadro dei problemi del paese.

Yetunde Babatunde: "Buhari è un grand'uomo; ha fermato i corrotti, tutti i ladri e i saccheggiatori della Nigeria coloro che non vogliono per noi un futuro luminoso".

Fathima Olaniyi Bururi : "Dobbiamo portare un po' di pazienza, penso che muovendosi lentamente e con costanza si vinca. Col tempo tutto andrà meglio e penso che Buhari verrà confermato".

Il paese più popoloso d'Africa

Con una popolazione di almeno 190 milioni di persone con un'età media di 18 anni, la Nigeria è fra le nazioni più popolose e più giovani al mondo ma la gestione politica è affidata alla vecchia guardia. Muhammadu Buhari è al potere dal 2015 ma resta espressione del passato. Per questo abbondano le critiche.

Nkiru Ndima: "Negli ultimi anni ci sono state molte lamentele. Personalmente credo che Atiku se riesce a vincere potrebbe far andare meglio le cose".

Jerry Bambi, reporter di Africanews: "Manca poco alle elezioni presidenziali in Nigeria e il presidente Mohammadu Buhari ha dovuto affrontare crescenti critiche per il modo in cui ha gestito l'economia del paese con livelli di povertà in aumento e con l'insicurezza che prevale in diverse aree del paese. Sabato 16 febbraio si offre l'opportunità ai nigeriani di votare o per un secondo mandato della dirigenza in carica oppure per voltare pagina".