EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ungheria, 10 condanne per il disastro ambientale dei fanghi di Ajka

Ungheria, 10 condanne per il disastro ambientale dei fanghi di Ajka
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'azienda responsabile ha riportato due condanne tra i suoi alti dirigenti

PUBBLICITÀ

Dieci persone sono state condannati nel processo per il disastro ambientale di Ajka, in Ungheria, dove nel 2010 un incidente in una fabbrica di alluminio finì per inondare le campagne circostanti con una massa di acque e fanghi rossi altamente tossici e corrosivi

"La negligenza degli imputati contribuì alla catastrofe - ha detto il giudice - dal momento che ignorarono i segnali premonitori che indicavano l'imminente collasso della diga. Disinformarono inoltre la popolazione e le autorità circa la quantità e la natura delle acque liberate"

L'incidente avvenne a mezzogiorno del 4 ottobre 2010 quando un vasto bacino di decantazione di fanghi cedette improvvisamente liberando una massa d'acqua e fanghi alcalini e corrosivi pari a quasi un milione di metri cubi, uccidendo 10 persone - tra le quali un bimbo di 14 mesi - e ferendo più di 200.

Tra i 15 imputati ci sono due ex dirigenti dell'azienda condannati a due anni e mezzo di reclusione 8 di loro sono stati sospesi o rimproverati. 5 persone sono state rilasciate.

Il tribunale ha stabilito che i dirigenti e i dipendenti dell'azienda hanno infranto numerose regole per quanto riguarda lo stoccaggio e la manipolazione dei fanghi e dell'acqua residuati dalla produzione di allumina, la principale materia prima per la produzione di alluminio. Le sentenze possono essere impugnate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Serbia, si torna a discutere di un'enorme miniera di litio di Rio Tinto a Jadar

L'estate più calda di sempre? Cosa potrebbe arrivare in Europa nei prossimi mesi secondo gli esperti

Il Green Deal europeo è già sul viale del tramonto?