EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Podio scandinavo al Bocuse d'or: vincono gli chef danesi

Podio scandinavo al Bocuse d'or: vincono gli chef danesi
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al secondo posto, Svezia e Norvegia. Prossima edizione nel 2020 in Estonia

PUBBLICITÀ

Anche quest'anno a Lione giunge al termine un'altra edizione di uno tra i più celebri campionati di cucina al mondo: Il Bocuse d'or 2019 ha visto un podio tutto scandinavo, con la Danimarca che, grazie a un carrée di vitello da latte e a una chartreuse di verdure che hanno stregato la giuria, si è conquistata il primo posto.

A sollevare il trofeo è stato il giovane Kenneth Toft-Hansen, arrivato in finale già nel 2015 quando si era piazzato secondo tra gli europei e sesto nel tabellone mondiale: "ho avuto un figlio soltanto una settimana fa - racconta - quindi penso che questo abbia già cambiato la mia vita e ora questo.... sette giorni dopo, è incredibile, è enorme. Ci siamo preparati per gli ultimi 130 giorni, insieme al mio incredibile commissario Christian e penso davvero che questo sia stato un lavoro di squadra, più che un lavoro di un solo uomo".

"Abbiamo dato il 98% - gli fa eco il giovane Sebastian Gibrand, a capo del team svedese - e penso che senza quel 2% si possa perdere. Se vuoi vincere e salire sul podio hai bisogno anche di quel 2%. Naturalmente siamo felici di essere sul podio, ma penso che la gastronomia sia un fatto mondiale e non solo in Scandinavia".

La prossima edizione, in programma nel 2020, sarà ospitata dall'Estonia. Il 20 gennaio ha peraltro segnato il primo anniversario della morte di Paul Bocuse, lo stellato chef lionese che ideò la competizione nel 1987

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bocuse d'Or, l'exploit della Danimarca nella competizione di alta cucina

Alternative vegan: meglio il "voie gras" che ingozzare le oche

L'Argentina ha la sua prima "regina della griglia"