EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Lavoro o ambiente? Il paradosso polacco sul carbone

Lavoro o ambiente? Il paradosso polacco sul carbone
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Viaggio in Slesia, la patria del carbone polacco, in un paese - la Polonia - che è il più "carbonizzato" d'Europa e che ha appena ospitato il summit sul clima Cop 24. In realtà qui si fa poco, stretti nella morsa tra l'inquinamento che avanza e il rischio di perdere ancora troppi posti di lavoro.

PUBBLICITÀ

La vita sembra più che pacifica nel piccolo villaggio di Vitkov, nella Repubblica Ceca. Ma gli abitanti, appena un centinaio, sono preoccupati.

"L'acqua era alta circa un metro qui, nell'ultimo anno il livello dell'acqua è diminuito e questo torrente si è quasi completamente prosciugato", racconta Maria Pilarova, insegnante d'asilo in pensione.

Le tracce nel terreno conducono alla miniera di lignite di Turow e alla sua centrale elettrica, appena oltre il confine polacco.

La miniera è accusata di prosciugare le acque sotterranee della regione.
L'impianto di Turow è uno dei più inquinanti in Europa.

Questo quartiere si trova proprio accanto all'impianto

Quest'uomo lavora nel settore dell'energia. Preferisce non farsi riconoscere.

L'intervistato, di spalle, ha preferito non farsi riprendere.

"L'estrazione e la combustione del carbone provocano problemi di salute, soprattutto a causa della polvere e delle particelle fini", dice.

"Ecco come appare la neve: completamente nera!"

La Polonia è il più grande produttore di carbone in Europa, ma è anche in cima alla lista dei paesi inquinanti e con maggiori emissioni di CO2.

L'eliminazione graduale del carbone è ancora una prospettiva lontana in un paese in cui il 60% dell'energia e l'80% dell'elettricità provengono dal carbone.

Oochi giorni prima del summit sul clima Cop 24 a Katowice, abbiamo visitato la più grande miniera di carbone d'Europa.

"È stata una vera sfida arrivare fino in fondo. Le società minerarie sono stata molto riluttanti prima del summit a ricevere i media, hanno paura di una cattiva pubblicità", spiega la nostra inviata Valerie Gauriat.

A 29 anni, Radoslaw lavora nella miniera già da 8 anni.

"Ho visto questa miniera dalla mia finestra per tutta la vita, mio padre era un minatore, i miei nonni lavoravano nelle miniere, una tradizione trasmessa di generazione in generazione", racconta Radoslaw Wojnar.

Anche nelle regioni in cui le miniere di carbone sono state chiuse, gli obiettivi di decarbonizzazione dell'UE non vengono considerati con favore.

"C'è carbone dappertutto! Ne abbiamo bisogno! Abbiamo bisogno di carbone! Chi pensa il contrario, sbaglia...", esclama scuotendo la testa Zbigniew, minatore in pensione.

Zbigniew con il suo adorato carbone.

Risorse addizionali per questo articolo • EDIZIONE ITALIANA, DOPPIAGGIO E WEB: Cristiano Tassinari

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia: l'economia del carbone

Polonia: l'inquinamento atmosferico miete 50.000 vittime l'anno

Polonia, la conferenza ONU sul clima nella terra del carbone