Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Polonia: l'inquinamento atmosferico miete 50.000 vittime l'anno

Polonia: l'inquinamento atmosferico miete 50.000 vittime l'anno
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

In questa gelida giornata a Katowice, l'inquinamento atmosferico è soffocante.

Poco prima dell'apertura del Cop24, alcuni attivisti ambientali hanno distribuito maschere anti-smog ai passanti nel centro della città.

Obiettivo è quello di accrescere la consapevolezza di un flagello cui i polacchi si sono abituati da anni.

Patryk Bialas, attivista per il clima:

"Delle 50 città più inquinate dell'Unione Europea, ben 33 sono in Polonia e ogni anno circa 600 cittadini di Katowice muoiono prematuramente a causa della scarsa qualità dell'aria".

Secondo l'Agenzia europea per l'Ambiente, l'inquinamento atmosferico uccide circa 50.000 persone l'anno in Polonia.

L'allarmante dato trova conferma, in particolare, a causa dell'uso del carbone per il riscaldamento e la cottura dei cibi nel 40% delle famiglie polacche.

Un uomo ci fa entrare in casa sua, a patto che non sia identificabile: in questa fornace, in inverno, brucia carbone per riscaldare le due stanze dell'appartamento.

"È il metodo più economico per me, non è ecologico, ma non abbiamo il gas, è così che vanno le cose".

Il Paese ha anche cinque delle trenta centrali a carbone con anidride carbonica più inquinante e ad alta emissione in Europa.

La centrale di Turow, zona occidentale della Slesia, alimentata da un'enorme miniera di lignite, è tra le più tossiche.

Questa zona è situata ai piedi della centrale elettrica: le emissioni di polveri sottili e di carbone sono causa di molti decessi.

"Ci sono molti problemi di salute qui", dice quest'uomo che lavora per un subappaltatore della centrale e non vuole essere riconosciuto.

"Lo sentiamo nella nostra bocca, negli occhi, nel naso, possiamo vederlo sulle nostre cose e su tutto ciò che ci circonda".

"Ecco qual è la situazione, il giorno dopo che abbiamo pulito".

Il Cop24 è una rara opportunità per i polacchi di esprimere le proprie preoccupazioni in merito all'ambiente e ai cambiamenti climatici.

Questa riunione di famiglie in una miniera in disuso nei pressi di Katowice è stata un timido inizio, in prossimità del vertice.

Valerie Gauriat, Euronews:

"I cittadini polacchi favorevoli al clima avranno bisogno del sostegno di ambientalisti di tutto il mondo al Cop24: non c'è dubbio che la politica energetica della Polonia e la potente lobby del carbone saranno tra i primi obiettivi europei".

Da oggi circa 200 paesi si confrontano sul clima a Katowice, in Polonia. Reportage dall’unico paese europeo che progetta...

Publiée par Internazionale sur Lundi 3 décembre 2018