ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strasburgo:somalo,ok se uccide cristiani

Strasburgo:somalo,ok se uccide cristiani
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - BARI, 17 DIC - "Speriamo. Quello che uccide i cristiani, i nemici di Allah, è un nostro fratello. Da dove viene, viene. Però se uccide i cristiani è nostro fratello". Così Mohsin Ibrahim Omar alias Anas Khalil, il 20enne somalo in carcere a Bari dallo scorso 13 dicembre per terrorismo internazionale, commenta l'attentato a Strasburgo dello scorso 11 dicembre. Lo hanno reso noto gli investigatori dell'antiterrorismo barese oggi nel corso di una conferenza stampa.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.