Grecia: attacco contro pluralismo e democrazia

Grecia: attacco contro pluralismo e democrazia
Dimensioni di testo Aa Aa

Un attacco alla democrazia. E’ unanime la condanna delle istituzioni greche ma anche europee all’attacco contro la tv privata greca Skai, dove una bomba è esplosa fuori dal quartier generale dell'emittente, in una zona costiera vicino ad Atene. L’ordigno non ha provocato vittime nè feriti ma solo ingenti danni.

In un tweet il primo ministro Alexis Tsipras ha definito il gesto un atto vile compiuto da forze oscure che tuttavia non raggiungeranno mai il loro obiettivo, ovvero terrorizzare e disorientare la Grecia.”

Alcune telefonate anomine arrivate poco prima dell’esplosione hanno permesso di evacuare l'edificio altrimenti sarebbe stata una strage. Per il leader dell'opposizione, Kyriakos Mitsotakis, la democrazia e il pluralismo non saranno messi a tacere puntanto il dito contro il governo di coalizione accusato di aver creato un clima tossico nel Paese. L'attacco presenta alcune somiglianze con l’attentato del 22 dicembre 2017 a un palazzo del tribunale nel centro di Atene. Questo gesto fu rivendicato da un gruppo di estrema sinistra chiamato Gruppo di combattenti popolari.