EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Perché si protesta a Gaza. Il racconto di un ferito

In collaborazione con The European Commission
Perché si protesta a Gaza. Il racconto di un ferito
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel reportage di Monica Pinna nella Striscia di Gaza il racconto di un palestinesi, ferito durante una manifestazione vicino al muro che divide Gata da Israele

PUBBLICITÀ

Sono migliaia i palestinesi che ogni venerdì partecipano alla protesta di massa vicino al muro tra Gaza e Israele. Manifestazioni che durano ormai da 8 mesi. Ali, nome fittizio, è stato gravemente ferito ad aprile. Ci ha raccontato di aver preso parte a una marcia pacifica. Questi i motivi che lo hanno portato a scendere in strada.

"Le condizioni economiche qui a Gaza sono davvero difficili, non abbiamo nulla. Se a un giovane sulla trentina viene chiesto se ha un solo shekel vi dirà di no. Ecco perchè ci sono tutte queste manifestazioni alla barriera, è questo il motivo che spinge a protestare. Vogliono la libertà, la fine del blocco, vogliono lavorare, e avere una vita come tutti gli altri, come in qualsiasi altro paese, arabo o no", sottolinea Ali.

“Nella Striscia di Gaza siamo sotto assedio. Siamo tutti oppressi. I giovani, le donne, i malati e le persone sane, i feriti non possono essere trasferiti. I padri non possono sfamare i loro figli. Come possono permettersi le cure per i loro figli, quando la maggior parte dei trattamenti non sono disponibili qui? C'è molta pressione sulle persone. Questo è il motivo per cui tutti hanno partecipato ai raduni di fronte al muro. Vogliono che vengano riconosciuti i loro diritti fondamentali", conclude Ali.

Condividi questo articolo