Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli Usa onorano H. W. Bush

Gli Usa onorano H. W. Bush
Dimensioni di testo Aa Aa

George Herbert. Walker Bush, che è stato presidente degli Stati Uniti dal 1989 al 1993 e padre di George W. Bush, a sua volta presidente dal 2001 al 2009. Aveva 94 anni e da tempo aveva il morbo di Parkinson ed costretto su una sedia a rotelle. Bush è morto sette mesi dopo sua moglie Barbara: erano stati sposati per 73 anni e avevano avuto sei figli..

Nella sua vita ha avuto molti incarichi: deputato, rappresentante all’ONU per gli Stati Uniti, direttore della CIA, vicepresidente con Ronald Reagan e infine presidente. Il New York Times ha scritto che «Bush entrò alla Casa Bianca con un curriculum migliore rispetto a qualsiasi altro presidente». Era dal 1836 che qualcuno non riusciva a diventare presidente facendo campagna elettorale da vicepresidente.

Bush senior è stato anche l’ultimo presidente statunitense ad aver combattuto nella Seconda guerra mondiale e uno dei pochi presidenti moderni a compiere un solo mandato: la sua presidenza sarà ricordata soprattutto per il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Golfo, che portò al ritiro delle truppe irachene dal Kuwait, invaso nel 1990. Nel 1992 Bush fu sconfitto da Bill Clinton, candidato dei Democratici, che in precedenza era stato governatore dell’Arkansas e aveva impostato la campagna sulle mediocri condizioni economiche del paese.

Bush rimase comunque in politica, e diede una grossa mano alla carriera di suo figlio George W. Bush, che fu presidente dal 2001 al 2009. Negli ultimi anni di vita, George H. W. Bush rimase comunque molto popolare. Nel 2012, un sondaggio rivelò che il 59 per cento degli intervistati aveva un giudizio positivo su di lui. Uno dei primi politici a commentare la sua morte è stato Barack Obama, secondo cui gli Stati Uniti hanno perso «un patriota».