ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Donna e sieropositiva in un conflitto armato: una condanna in Ucraina dell'Est

Lettura in corso:

Donna e sieropositiva in un conflitto armato: una condanna in Ucraina dell'Est

Donna e sieropositiva in un conflitto armato: una condanna in Ucraina dell'Est
Dimensioni di testo Aa Aa

Vivere la guerra è di per se difficile, ma per le donne sieropositive lo è ancora di più. Yelena lo sa molto bene: viene dalla regione separatista di Luhansk, nell'Ucraina orientale. Quando ha scoperto di essere sieropositiva, si è trovata davanti a una triste realtà: per questa malattia non c'erano medicine disponibili. Decise allora di trasferirsi con suo figlio a Kiev per farsi curare. Lasciare la sua famiglia e un padre disabile non è stato facile, ma le condizioni erano insopportabili, afferma.

Non si tratta solo di discriminazione delle donne sieropositive, anche le donne comuni vengono molestate. Ma se poi scoprono che hai una malattia pericolosa, allora iniziano a trattarti ancora peggio

Yelena sieropositiva e rifugiata interna

"C'è molta discriminazione laggiù: molte persone vanno in giro armate. Non è solo la discriminazione delle donne sieropositive, anche le donne comuni vengono molestate. E se scoprono che hai una malattia pericolosa, allora iniziano a trattarti ancora peggio".

Yelena viene da Luhansk, regione dell'Ucraina orientale sotto il controllo delle forze non governative filorusse. L'autorità locale non fornisce trattamenti per le persone sieropositive

Secondo uno studio condotto dall'università Oxford, il conflitto sta causando un aumento dei casi di HIV in Ucraina. Le donne sono più esposte alla violenza sessuale e alla prostituzione, per via della forte presenza militare e della povertà.

Ma la stigmatizzazione dell'HIV è un problema diffuso nella società ucraina. Per paura di violenze e discriminazioni, le donne spesso evitano di sottoporsi ai test o ai trattamenti. A Kiev, Vera Varyga ha fondato l'ONG "Donne positive". In collaborazione con l'UNDP, fornisce assistenza e informazioni alle donne sieropositive.

"L'infezione da HIV non viene trasmessa da coloro che sono sieropositivi e ricevono terapia, perché il loro carica virale è bassa: l'infezione viene da quelle persone che non sanno di essere infette da HIV e la loro carica virale è alta. Ecco perché dobbiamo fare molti sforzi per far si che la società abbia un atteggiamento tollerante circa questo problema ".

Secondo l'UNAIDS in Ucraina è in corso una delle più grandi epidemie di HIV in Europa. La copertura antiretrovirale è aumentata negli ultimi anni, ma l'alto tasso di nuove infezioni nelle aree di conflitto rischia di vanificare questi risultati.