EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ronaldinho è in bolletta

Ronaldinho è in bolletta
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Non avrebbe più soldi e deve due milioni di euro al fisco

PUBBLICITÀ

"Ho speso gran parte dei miei soldi per alcool, donne e macchine veloci, il resto l'ho sperperato", diceva George Best, indimenticata stella del calcio inglese. Ronaldinho, ex calciatore di Barcellona e Milan, sembra averlo preso in parola. Avrebbe solo 6 euro nel conto in banca. Nei giorni scorsi il tribunale di Giustizia del Rio Grande do Sul ha disposto il sequestro del passaporto dell'ex fuoriclasse brasiliano, e di suo fratello Assis, dopo che i due non hanno onorato una pena pecuniaria del fisco di circa due milioni di euro a cui erano stati condannati nel 2015 per la costruzione di un manufatto abusivo a Porto Alegre. Il tutto in una zona che era sotto tutela ambientale per motivi ecologici.

Un duro colpo per Ronaldinho, che negli ultimi ha girato per il mondo (Cina, Giappone e Africa) per promuovere il marchio Nike del quale è ambasciatore. Il campione brasiliano è finito al centro di polemiche di natura politica per il suo sostegno al neopresidente Jair Bolsonaro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Aborto, le donne brasiliane scendono in strada contro proposta di legge "criminalizzante"

Madonna riempie la spiaggia di Copacabana: il concerto è record

Inondazioni in Brasile: almeno 55 morti e 70mila sfollati