ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni in Polonia: bene i conservatori ma non in città

Lettura in corso:

Elezioni in Polonia: bene i conservatori ma non in città

Elezioni in Polonia: bene i conservatori ma non in città
Dimensioni di testo Aa Aa

In Polonia sono le grandi città a fare argine alla vittoria del partito conservatore di Kaczynski, "Diritto e Giustizia", attualmente al governo.

A Varsavia, con il 54 per cento dei consensi, è Rafal Trzaskowski di Piattaforma Civica, 46 anni, ex parlamentare europeo, a staccare nettamente il rivale, il vice ministro della Giustizia, Patryk Jaki, esponente del governo in carica.

"In realtà - dice un elettore di Varsavia - non abbiamo scelto il candidato che proponeva il programma, che sarebbe stato la continuazione di quello attuale. Varsavia è sempre stata più liberale rispetto alla politica dei conservatori al governo. La città ha votato più per Piattaforma Civica che per Diritto e Giustizia".

In molti non si aspettavano una vittoria netta dell'opposizione a Varsavia: "Credevo si andasse al ballottaggio - commenta un altro elettore - sono positivamente sorpreso, ma ora che accadrà?" .

Da Trzaskowski, il candidato vincitore dell'opposizione, arriva l'elenco degli obiettivi della nuova amministrazione: "Continueremo a investire nello sviluppo delle infrastrutture, ma centreremo l'attenzione sulla qualità della vita, in altre parole istruzione, salute e welfare".

Rafal Trzaskowski sindaco neoeletto di Varsavia

Il voto, considerato un test politico prima delle europee di fine maggio e delle legislative in agenda tra un anno, definisce gli equilibri: vittoria del partito governativo di Kaczynski, seguito dall'alleanza in rimonta, siglata dai centristi di Piattaforma Civica e liberali.

Secondo Anna Materska-Sosnowska, analista politica, la tendenza è chiara: "Il trend mostra un ripiegamento del partito al governo, almeno nelle grandi città. Diritto e Giustizia ha vinto nella maggior parte delle assemblee regionali. Un risultato che sancisce la vittoria del partito al potere, ma la questione è un'altra: in quanti casi sarà capace di formare una coalizione? Anche perché la capacità dei conservatori di stringere alleanze sembra essere contenuta".

Anna Materska-Sosnowska analista politica

Dopo una vittoria senza precedenti nel 2015, "Diritto e Giustizia" si trova adesso a dover affrontare la rinascita delle opposizioni e a richiamare alle urne poco meno della metà degli elettori che le ha disertate.