EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Cisgiordania, rinviata demolizione Khan Al-Ahmar

Cisgiordania, rinviata demolizione Khan Al-Ahmar
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Rinviata la demolizione decisa da Israele per il villaggio beduino di Khan al-Ahmar, in Cisgiordania dove ha sede la 'Scuola di gomme', fatta con i copertoni della auto e diventata il simbolo della protesta di quanti, anche a livello internazionale, si sono mobilitati per la sua sopravvivenza.

PUBBLICITÀ

Rinviata la demolizione decisa da Israele per il villaggio beduino di Khan al-Ahmar, in Cisgiordania dove ha sede la 'Scuola di gomme', fatta con i copertoni della auto e diventata il simbolo della protesta di quanti, anche a livello internazionale, si sono mobilitati per la sopravvivenza di questo luogo.

BENJAMIN NETANYAHU, PRIMO MINISTRO ISRAELIANO:
"Che Khan al-Ahmar debba essere abbandonato lo prevede una sentenza della Corte suprema: questa è la nostra politica e così sarà fatto. Il rinvio nella demolizione del villaggio non è a tempo indefinito, ma sarà il governo a stabilirne la data finale dell'abbattimento che avverrà, se tutto va bene con il consenso dei residenti"

Il villaggio, secondo la Corte Suprema, è stato costruito senza i permessi necessari delle autorità di Tel Aviv e si trova nell'Area C dei territori palestinesi, quella, in base agli accordi di Oslo, sotto controllo amministrativo e militare israeliano.

Lo scorso 11 settembre cinque paesi europei: Germania, Francia, Italia, Spagna e Gran Bretagna, hanno fatto appello ad Israele per farlo desistere dalla decisione: "Le conseguenze che una demolizione e uno spostamento avrebbero sui residenti della comunità, - hanno ammonito - sarebbero molto serie".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera

Netanyahu: annuncio del mandato di arresto della Corte penale internazionale "nuovo antisemitismo"